informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
01/04/2015
storie

Vigliena, l'antico forte presidiato dai randagi

dot Vigliena, l'antico forte presidiato dai randagi

di Marco Molino

(Articolo originariamente pubblicato sul Corriere del Mezzogiorno) 

 

Moschetti e cannoni non sparano più, ma bastano alcuni cani minacciosi per impedire ugualmente l’accesso al Forte di Vigliena, la struttura militare costruita nel 1706 dall’ultimo viceré di Spagna e oggi ridotta a un rudere. Per scoprirlo, è sufficiente provare ad oltrepassare la sgangherata recinzione: qualcuno, nascosto tra le rovine, immancabilmente ordina: “Addosso!”, scatenando l’abbaiare furioso degli amici a quattro zampe che spuntano improvvisi tra cespugli e cumuli di rifiuti. Meglio quindi battere in ritirata.

 

La cronaca 

E’ questa la cronaca di una giornata come tante presso l’antica fortezza sul mare (o quel che ne resta), da anni divenuta rifugio di clochard e tossicodipendenti, nonostante i ripetuti appelli dei comitati civici di San Giovanni a Teduccio. Fino a qualche tempo fa, era possibile avventurarsi tra le mura diroccate ancora vibranti di storia. Da quando invece gli attuali residenti del sito hanno cominciato ad aizzare i loro cani contro i rari ficcanaso, nessuno più osa dargli noia. Eppure il forte è un simbolo importantissimo della storia di Napoli e la testimonianza degli eventi della rivoluzione napoletana.

 

La storia 

Bisogna allora immaginarselo rimanendo sul marciapiede quel 13 giugno 1799, quando il forte fu il tragico scenario della battaglia tra i sanfedisti e i 150 soldati asserragliati nella struttura. Le sorti del confronto sembravano ormai segnate per i difensori, scrisse pochi anni dopo Pietro Colletta, “cosicché il prete Toscani di Cosenza, capo del presidio, reggendosi a fatica perché in più parti trafitto, avvicinatosi alla polveriera, ed invocando Dio e la libertà, getta il fuoco nella polvere, e ad un istante con iscoppio terribile muoiono quanti erano tra quelle mura”. In onore degli eroici martiri, nel 2013 i radioamatori partenopei hanno referenziato il sito per il Diploma Castelli italiani. Una recensione per non dimenticare. Ora dal satellite si vede, ma l’efficace presidio dei cani lo rende ormai “inespugnabile” e invisibile ai napoletani.

 

Foto di M. Molino 

dot dot
dot
foto: Marco Molino
foto: Marco Molino
foto: Marco Molino
foto: Marco Molino
foto: Marco Molino
foto: Marco Molino
foto: Marco Molino
dot
dot
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
22 AGOSTO 2017 ore 16:34
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot