informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
04/06/2012
ambiente, crociere, porti

Venezia, dov'è il decreto anti-inchini?

dot
Venezia, dov'è il decreto anti-inchini?
di Paolo Bosso 

Il decreto anti-inchini non sarà pienamente in vigore nella laguna di Venezia finché le autorità marittime del porto non avranno trovato un canale di accesso alternativo. Nella peggiore delle ipotesi le navi superiori alle 40mila tonnellate potranno continuare a transitare come di consueto fino al 2014, quando sarà pronto il primo modulo del porto offshore alla bocca di Malamocco. Per ora l’unico limite è stato fissato sulle distanze tra una nave e l’altra ma intanto le unità da crociera transitano indisturbate. O quasi. Il comitato "No Grandi Navi" contesta da mesi l’arrivo di questi giganti dei mari nella laguna. Oggi è arrivata Msc Divina, 140mila tonnellate, la più grande mai transitata in queste acque, e un gruppo di manifestanti l’ha accolta con un grande striscione al grido “no alle grandi navi”. 
La protesta principale parte dal bacino di San Marco. E’ qui che il comitato non vuole veder più transitare navi di queste dimensioni. Troppi fumi, troppo inquinamento. “Il comitato non è contro il crocerismo, ma contro questo crocerismo indifferente alla città e connotato da un gigantismo crescente e insostenibile” si legge sulla loro pagina Facebook. Per il comitato devono entrare in laguna solo navi compatibili, che usino carburanti puliti “come già avviene nel Mar Baltico o nelle acque statunitensi”. 
Alla contestazione si è aggiunto il Fai, il Fondo Ambiente Italiano che, come il comitato, contesta soltanto l’ingresso di navi inquinanti incompatibili “con la delicatezza dell'ambiente lagunare". 
Ma non tutti sono d’accordo. La Venezia Terminal Passeggeri, attraverso l’ad Roberto Perocchio, afferma: «Non possiamo più accettare critiche fatte da non esperti, affermazioni prive di fondamento tecnico e scientifico. Le navi da crociera sono un vantaggio enorme per Venezia, non un danno. Specie in un momento in cui il porto sta subendo il declino del traffico mercantile». Più conciliante il comandante di Msc Divina Giuliano Bossi: «Sono convinto che con la dovuta attenzione ed il rispetto che meritano, Venezia e la laguna possano ospitare le navi da crociera con un impatto minimo». Certo è che la mancata applicazione del decreto anti-inchini suona quasi come una beffa dopo che è stato preparato e applicato in maniera fulminea in poche settimane all’indomani della tragedia del Costa Concordia. Nel caso di Venezia il motivo è duplice. Da un lato prettamente logistico: non ci sono approdi alternativi da qui ai prossimi mesi, forse anni. Dall’altro prettamente legato al business con le navi che in qualche modo devono approdare sulla base dei vincoli contrattuali stabiliti tra l'Autorità portuale veneta e le compagnie crocieristiche.
 
L'entrata delle navi da crociera al bacino San Marco
dot dot
dot
dot
dot
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
18 AGOSTO 2017 ore 10:35
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot