informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
09/10/2013
ambiente, autotrasporto, logistica

Una settimana di Sistri

dot Una settimana di Sistri
di Paolo Bosso 
 
Il Sistri, partito il primo ottobre, ha ancora tanta strada da fare. Calano fino al 40% le consegne dei rifiuti pericolosi agli impianti di gestione, probabilmente a causa della mancanza all’appello di circa mille PEC, la posta elettronica certificata. Un dato che sintetizza, afferma il coordinamento della Campania di Conftrasporto, «le difficoltà delle imprese ad aggiornare i dispositivi elettronici, a contattare il call-center Sistri» nonché «la lunghezza esasperante delle operazioni da svolgere». Due giorni fa l’associazione di categoria ha incontrato a Roma il ministero dell’Ambiente insieme a Selex (che gestisce il sito del Sistri) e AgID (Agenzia per l’Italia Digitale). Un tavolo tecnico in cui sono stati stabiliti tre emendamenti alla norma sul sistema di monitoraggio dei rifiuti pericolosi.
Il primo riguarda l'assoggettamento del sistema anche ai vettori stranieri in partenza dall’Italia, una misura sacrosanta per le associazioni di categoria che la richiedono sulla base del principio di concorrenza paritaria. Poi il rinvio di 90 giorni dell’applicazione delle sanzioni, infine un collaudo telematico 30 giorni prima dell'inizio delle sanzioni. Tre interventi che andranno al vaglio del Parlamento, ora al Senato poi alla Camera per l’approvazione definitiva.
Sul sito del Sistri verrà creato un FAQ su quattro ambiti: per le richieste di associazioni e imprese, per le risposte della Selex, per quelle del ministero dell’Ambiente, infine per quelle dell’AgID.
Come sta andando il Sistri dopo poco più di una settimana di attività? Maluccio per il coordinamento regionale di Conftrasporto. Sono cresciute ovviamente le chiavette USB, quelle che permettono il collegamento internet (salgono a 165mila), e le scatole nere (4.900), ma per entrambi si riscontrano diversi problemi. L’aggiornamento delle prime è affidato al conducente quando, afferma l’associazione, andrebbe fatto in sede aziendale, dal produttore o in un internet point. Infine le black box, che sono obbligatorie, Conftrasporto le vorrebbe facoltative.
Il Sistri ha ancora tanta strada da fare. E’ farraginoso e non incontra pareri favorevoli da parte di nessuno, pur restando un sistema necessario. 
  
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
18 AGOSTO 2017 ore 10:35
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot