informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
19/09/2011
logistica, porti

"Una legge per far ripartire i porti"

dot
"Una legge per far ripartire i porti"
Ripartire dallo sportello unico, finanziare i porti virtuosi e ridurre la burocrazia. Sono questi, secondo Assoporti, i tre punti attraverso cui rilanciare i porti italiani. Al molo Manfredi di Salerno, dove l'Autorità Portuale presieduta da Andrea Annunziata ha organizzato la nona edizione della Festa del Mare, Francesco Nerli, presidente dell’associazione dei porti italiani,i riassume le principali richieste del comparto. 
Ma senza una legge mirata una riforma che rispecchi questi tre criteri è impossibile. Per questo Nerli chiede al governo maggiore attenzione per un settore capace di contribuire al prodotto interno lordo «più del comparto automobilistico e dell'agricoltura». «Una grande risorsa per la ripresa - afferma all'Ansa il presidente dei porti italiani - su cui però il paese scommette a intermittenza».
Il comparto marittimo dà lavoro a oltre 70mila addetti e fornisce un contributo al Pil di circa 6,8 miliardi di euro. Il volume delle merci imbarcate e sbarcate, nei 39 porti distribuiti sulle coste di 12 delle 15 regioni italiane che si affacciano sul mare, è di circa 435 milioni di tonnellate, mentre i passeggeri sono quasi 50 milioni. «Siamo il primo paese per numero di passeggeri in Europa e il secondo, alla pari con l'Olanda, per quanto riguarda le merci» ricorda Nerli. «I traffici negli ultimi mesi sono ripresi ovunque - aggiunge - ma per reggere la concorrenza occorre una maggiore attenzione da parte del governo».
«Servono maggiori investimenti nelle infrastrutture, per consentire alle merci che arrivano nei nostri porti di viaggiare spedite verso il cuore dell'Europa - spiega Nerli - una burocrazia più snella, che può essere realizzata attraverso riforme a costo zero come lo sportello unico doganale, e, soprattutto, l'autonomia finanziaria degli scali». 
Le speranze, adesso che la manovra economica è legge, sono tutte rivolte al decreto sviluppo annunciato dal governo: «Il nostro auspicio - sottolinea Nerli - è che il provvedimento metta le basi per una riforma attesa da tempo. Non si può rimandare ancora, bisogna intervenire rapidamente».
«L'epoca dei finanziamenti a pioggia è ormai morta e sepolta - continua il presidente di Assoporti - bisogna consentire ai porti di investire in base alla ricchezza prodotta. In questo senso l'autonomia finanziaria è discriminante, da questa riforma dipende il rilancio di un settore in grado di trainare l'intero paese. E' un elemento capace di creare concorrenza e, quindi, sviluppo - conclude - ed è indispensabile per essere davvero competitivi».

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
18 AGOSTO 2017 ore 10:35
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot