informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
04/10/2010

Un esercito di robot per sorvegliare le aree protette

dot
Un esercito di robot per sorvegliare le aree protette
Una rete wireless subacquea per sorvegliare e monitorare le acque di porti e aree marine protette. A Pianosa, nelle acque del Parco nazionale dell’arcipelago toscano, è stata avviata la prima sperimentazione congiunta di reti wireless subacquee. Il centro E. Piaggio dell’Università di Pisa insieme al Nurc, il centro di ricerche della Nato della Spezia, sta monitorando in questi giorni, a bordo della nave Leonardo, le acque di Pianosa con un team di robot sottomarini mobili.
Al largo del Parco nazionale dell’Arcipelago toscano, è stata avviata la prima sperimentazione congiunta di questo tipo. L’università, partner del progetto europeo Uan (Underwater Acoustic Network), punta alla costruzione di reti wireless subacquee attraverso la trasmissione di dati acustici.
Con due linee di ricerca parallele, la particolare missione mira a raccogliere dati utili all’implementazione di sistemi per la sorveglianza di siti subacquei ad accesso limitato in ambito civile e militare, quali quelli delle aree marine protette, di interesse archeologico, di infrastrutture industriali, portuali o logistiche in zone costiere. Contemporaneamente, con robot sottomarini chiamati “Folaga”, vengono effettuate misurazioni (temperatura, salinità qualità dell’acqua) per il monitoraggio ambientale dell’area. 
«Comprendere l’ambiente sottomarino e capire i segreti della comunicazione sotto la superficie del mare è essenziale per sviluppare robot mobili e sensori subacquei in grado di lavorare in network in tali condizioni» spiega lo scienziato inglese John Potter, coordinatore dell’esperimento per il Nurc. «Lo studio di reti intelligenti e autosufficienti – continua - è di grande interesse per i Paesi Nato, in quanto punti di partenza per future tecnologie per la sorveglianza e la protezione di aree marittime sensibili».
La missione ha il supporto della Marina militare italiana e coinvolge anche l’Università degli studi di Padova, l’Università di Roma La Sapienza e l’Università portoghese di Oporto, così come la sovrintendenza per i Beni Archeologici della Toscana.

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
22 AGOSTO 2017 ore 10:34
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot