informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
25/06/2012
politiche marittime

Ue avvia consultazione sui porti

dot
Ue avvia consultazione sui porti
di Paolo Bosso 
 
La consultazione è uno strumento potente, ovviamente quando è aperto. Per esempio, una consultazione sulla qualità di un porto deve coinvolgere sia i suoi elementi interni che esterni: non solo istituzioni, operatori e armatori ma anche passeggeri e cittadini. In nord Europa la consultazione pubblica va forte, è molto usata, e, quando è aperta, è uno strumento molto efficace perché, coinvolgendo tutti, va subito al sodo, mette sul tavolo i problemi autentici senza perdersi in confronti su tematiche sterili.
Sarà questo uno dei motivi che ha spinto la Commissione Europea ad avviare una consultazione sui porti del Vecchio Continente. Si concluderà il 24 agosto e ha tre obietti: valutare la qualità dei servizi, l'efficienza del sistema e la trasparenza delle organizzazioni. Il confronto pecca però di un difetto non da poco: è una consultazione interna. Coinvolge tutti gli operatori del porto, i cosiddetti stakeholder, ma si limita a chiamare in causa autorità portuali, fornitori di servizi, compagnie di navigazione, chi rappresenta il carico e i lavoratori portuali, tagliando fuori i fruitori esterni dei servizi, principalmente passeggeri e cittadini. Una consultazione monca. Pur costituendo uno degli strumenti con il quale l’Ue da anni contribuisce a creare una politica portuale unitaria, risulta piuttosto incompleto.
I risultati del confronto saranno presentati alla conferenza “Unlocking the Grow Potential” che si terrà il 25 e 26 settembre a Bruxelles, nel corso della quale la Commissione illustrerà le possibili misure per far fronte a queste sfide e le azioni da intraprendere a livello europeo. In ottobre sarà realizzato un altro sondaggio in cui verranno presentate le possibili opzioni strategiche, che potranno andare dalla formulazione di linee guida e dall'individuazione di misure di sostengo alla definizione di procedure d'infrazione e alla stesura di una vera e propria legge.
La strada per una comune politica europea dei porti ha conosciuto finora un percorso accidentato. A seguito delle prime iniziative intraprese alla fine degli anni '90, la Commissione Europea ha cercato due volte, nel 2001 e nel 2004, di produrre una legge sull'accesso al mercato dei servizi portuali. «Entrambi i tentativi – spiega il segretario generale dell'European Sea Ports Organisation Patrick Verhoeven - sono stati caratterizzati da forti proteste sindacali e non sono riusciti a trovare il sostegno della maggioranza del Parlamento europeo». Nel 2007 la Commissione ha pubblicato una comunicazione sulla politica portuale che in sostanza ha fornito indicazioni sull'applicazione delle norme del trattato nel settore. Secondo Espo, la comunicazione del 2007 costituisce ancora oggi una buona base su cui lavorare: «I precedenti tentativi di dare norme ai porti europei - ha spiegato il segretario generale dell'European Sea Ports Organisation Patrick Verhoeven - sono stati criticati perché non erano basati su un'essenziale analisi del settore. Ora le cose sono differenti e pertanto noi incoraggiamo attivamente i nostri associati a contribuire a questa indagine in modo che emerga un quadro preciso della situazione attuale».

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
23 AGOSTO 2017 ore 09:17
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot