informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
09/11/2010

Tre big per Tirrenia

dot
Tre big per Tirrenia

Nasce una inedita aggregazione nel mondo armatoriale tra Aponte, Grimaldi ed Onorato per dar vita, con quote paritarie, alla nuova “Compagnia Italiana di Navigazione”. La notizia viene anticipata nell'edizione di oggi de Il Mattino di Napoli. Obiettivo dell'iniziativa, l’acquisizione di Tirrenia. Oggi l’annuncio proprio alla vigilia, come previsto dal commissario straordinario Giancarlo D’Andrea, della partenza delle lettere con la richiesta di continuare la gara solo per quei concorrenti che, su indicazione dell’advisor Rotschild, il commissario riterrà abbiano i requisiti  richiesti per partecipare alla gara. Potrebbe dunque essere la Compagnia Italiana di Navigazione (l’aggregazione formatasi in corsa è prevista dalla legge) la più accreditata ad aggiudicarsi la compagnia di Rione Sirignano? La caratura dei partecipanti sembrerebbe porre più di una ipoteca. Usiamo il condizionale  perché, prima di arrivare alla decisione finale, bisogna passare dalla gara vera e propria, alla scelta della short list da parte del commissario straordinario, fino alla decisione finale che spetta a Fintecna, unico azionista di Tirrenia, ed al ministro dell’Economia Tremonti. Ma come si spiega la discesa in campo dei tre più importanti armatori a livello mondiale ed europeo che operano anche nelle autostrade del mare? I diretti protagonisti, tutti napoletani (Aponte ha quartier generale a Ginevra ma radici a Piano di Sorrento e forti interessi a Napoli, Grimaldi è da sempre radicato nella città di Partenope, Onorato è napoletano trasferito all’isola d’Elba, ma con cuore tutto partenopeo) la vedono come una risposta tutta napoletana alla grave crisi che sta vivendo la città, un impegno diretto di quell’armamento che, molto forte nella regione, non viene spesso considerato come uno dei più forti volani dell’economia e che, in questo caso, vuole dare una risposta di speranza e di riscatto a Napoli. “E’ una scelta che risponde soprattutto a motivazioni di ordine sociale – spiega Emanuele Grimaldi, coamministratore dell’omonimo gruppo – la città non offre una possibilità di ricambio, non c’è mobilità, non ci sono occasioni di lavoro ed allora, dividendoci oneri e responsabilità, ci è sembrato che questa fosse una soluzione ottima, per le banche, per i sindacati, per i lavoratori e perché no, anche il governo. I punti chiave della nostra offerta sono infatti, che la sede rimanga a Napoli, le navi conservino la bandiera italiana e vengano riassorbiti tutti i lavoratori che hanno voglia di lavorare. Anzi, la nostra posizione guarda ad un consolidamento dei livelli occupazionali”. La nuova “Compagnia Italiana di Navigazione” avrà una sua governance autonoma con un amministratore delegato, anch’egli  napoletano doc, di elevate capacità ed esperienza nel settore. Il suo primo compito sarà quello di gestire le attuali linee esercite da Tirrenia e, con il contributo dell’esperienza e della spiccata competenza dei tre player del settore, renderla non solo competitiva sul mercato ma farne anche un veicolo per sviluppare altre autostrade nel Mediterraneo.

Bianca d’Antonio

Questo il testo del comunicato congiunto dei tre armatori interessati diramato nel primo pomeriggio di oggi 9 novembre:

 "Gli armatori Gianluigi Aponte, Emanuele Grimaldi e Vincenzo Onorato hanno intrapreso un’iniziativa congiunta nell’ambito del processo di privatizzazione della Tirrenia.
La condivisione delle radici napoletane ed il profondo attaccamento alla città hanno indotto i tre Armatori a creare una nuova Società, la “Compagnia Italiana di Navigazione”, allo scopo di rilevare la Tirrenia, mirando a preservare il patrimonio che l’azienda di Stato rappresenta per il tessuto socio-economico locale, sia in termini di impatto occupazionale che di redditi distribuiti. L’obiettivo è quello di strutturare una Società autonoma ed indipendente, dotata di una propria governance, che possa operare in modo efficiente ed orientato al mercato, supportata dal know how e dalle competenze di tutti i soci, pur senza essere controllata da nessuno di essi. Si ritiene che l’iniziativa, alla luce della professionalità, della serietà e della tradizione dei tre Armatori direttamente interessati, possa essere accolta positivamente da tutte le parti coinvolte nel processo di privatizzazione".

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
22 AGOSTO 2017 ore 13:39
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot