informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
15/04/2016
porti

Taranto, la Zona Franca ha il suo regolamento

dot Taranto, la Zona Franca ha il suo regolamento

Ecco le regole per la Zona Franca del porto di Taranto. Il commissario straordinario dello scalo pugliese, Sergio Prete, rende noto in un comunicato che l’ente portuale ha infatti provveduto ad emanare l’Ordinanza n. 08/16 relativa al "Regolamento per il funzionamento della Zona Franca Doganale" del porto di Taranto in cui viene sancita la modalità di gestione diretta da parte dell’Autorità portuale. A partire ieri, dunque, tutte le imprese interessate ad operare nella stessa possono procedere con la fase di accreditamento finalizzata all’iscrizione nell'apposita lista.

 

Il Regolamento, si legge nel comunicato, “disciplina le modalità di funzionamento della Zona Franca, le attività consentite agli utilizzatori, i relativi obblighi e l'utilizzo delle aree pubbliche, oltre a prevedere le ipotesi di insediamento produttivo e le attività di competenza dell'Autorità portuale. L'Ordinanza n. 08/16 e il Regolamento ad essa allegato sono disponibili per il download sull'Albo Pretorio del sito istituzionale dell'Ente, www.port.taranto.it”.

 

E' altresì disponibile un documento descrittivo dei compiti e delle finalità della Zona Franca Doganale del porto di Taranto, sul portale istituzionale dell'Ente al seguenti link: http://future.port.taranto.it/progetti/zona-franca.html. Attraverso la creazione, autorizzazione ed organizzazione della Zona Franca non interclusa l'Autorità portuale intende promuovere lo sviluppo economico dell'area al fine di incrementare i traffici, la produttività e la competitività dello scalo nel bacino del Mediterraneo, agevolando altresì l'insediamento ed utilizzazione di stabilimenti industriali e logistici, a beneficio della Città di Taranto e dell'intero sistema Paese. Autorità portuale di Taranto.

 

All’interno della Zona Franca, riferisce l’Authority portuale, potranno essere realizzate attività quali: stoccaggio, manipolazioni usuali, trasformazione sotto controllo doganale, perfezionamento attivo, commercializzazione di merci terze. Le merci immesse nella Zona Franca potranno appartenere ad ogni categoria merceologica ricompresa nella Nomenclatura Combinata. L’obiettivo da perseguire nell'area del Porto e retroporto di Taranto è, infatti, proprio quello di rilanciare l'economia attraverso l’incremento e lo sviluppo dei traffici e del commercio internazionale, incentivando il transito e la spedizione delle merci, nonché le vendite e gli scambi commerciali, favorire l'insediamento e la permanente localizzazione di nuove imprese che creino occupazione e incentivino lo sviluppo economico anche grazie alla gestione dell'Accordo di Programma relativo all'Area di Crisi Industriale.

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
22 AGOSTO 2017 ore 16:34
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot