informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
05/11/2015
armatori, traghetti

Tar annulla multa agli armatori del golfo di Napoli

dot Tar annulla multa agli armatori del golfo di Napoli
Dietrofront, non c'è cartello tra le compagnie del golfo di Napoli. Multate a febbraio scorso dall'Antitrust con 14 milioni di euro per un cartello dei prezzi, la prima sezione del Tar del Lazio accoglie il ricorso delle dieci compagnie armatoriali sanzionate dall'Autorità Garante della Concorrenza del Mercato (Agcm). «Nel caso di specie - scrive il tribunale - non si configura un’intesa anticoncorrenziale ai sensi dell’art. 101 TFUE».

Secondo il tribunale regionale, l'indagine Antitrust risulta «contraddittoria», senza «un adeguato supporto probatorio». In particolare, scrive il Tar, l'Agcm «mentre nel luglio 2009 riconosce una certa “patologia” in ottica “concorrenziale”», «nell'ottobre dello stesso anno chiude un procedimento per ritenuta condotta anticoncorrenziale». In sintesi, il Tar accoglie il ricorso degli armatori perché l'Agcm non ha approfondito a sufficienta le indagini.

Le compagnie coinvolte sono Navigazione Libera del Golfo (Nlg), Alilauro, Alicost, Alilauro Gruson, Medmar Navi, Snav , Servizi Marittimi Liberi Giuffrè & Lauro (Smlg), Consorzio Linee Marittime Partenopee (Clmp), Gescab e Aassociazione Cabotaggio Armatori Partenopei (Acap).

La nascita nel 1998 del Consorzio linee marittime partenopee e nel 2007 dell'Associazione cabotaggio armatori partenopei secondo l'Antitrust avrebbe favorito accordi, quindi un cartello, sui prezzi, tale da innescare un mercato anticoncorrenziale.
Le indagini sono iniziate nel 2008, con un procedimento istruttorio dell'Agcm verso imprese private operanti nel trasporto di cabotaggio verso le isole del golfo di Napoli. L'indagine viene chiusa un anno dopo, quando l'Agcm accoglie l'”impegno” delle compagnie interessate a cambiare modus operandi. Viene infine riaperta nel 2013 e chiusa con la multa commiata all'inizio di quest'anno. È stata proprio questa modalità di indagine che ha portato il Tar ad accogliere il ricorso dei dieci armatori napoletani e ad annullare la sentenza dell'Agcm. Bisognava, in sostanza, indagare più approfonditamente e con maggiore uniformità. «I documenti chiamati a sostegno della sua tesi da parte dell’Agcm – si legge nella sentenza del tribunale - appaiono sporadici e privi di certezza in ordine all’effettiva attitudine a conformare la condotta poi sanzionata».
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
23 AGOSTO 2017 ore 09:17
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot