informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
27/01/2010

Sono ancora utili gli hub portuali?

dot
Sono ancora utili gli hub portuali?
Sulla crisi dei porti “hub” del Sud Italia si è aperta un’ampia discussione. In diversi terminal, colpa del calo dei traffici, è iniziata la cassa integrazione, ma ciò che preoccupa maggiormente gli operatori sono le prospettive di crescita rispetto alla concorrenza che viene dal Nord Africa con i suoi grandi scali di transhipment di recente costruzione pronti a entrare a pieno regime nei prossimi anni.
Di fronte a una situazione di questo tipo le cose da fare sono due: mollare la presa e lasciar perdere questo mercato, o correre ai ripari con nuovi investimenti e incentivi per rilanciare il settore. In questi ultimi giorni si è acceso un importante dibattito sull’utilità dei porti di trasbordo che rispecchia queste due posizioni. Da un lato c’è il presidente dell’Autorità Portuale di Genova, Luigi Merlo, e dall’altro Assologistica. Per il presidente dell’Ap genovese i porti di trasbordo del Sud Italia non hanno futuro per due ragioni. La prima è che fra tutti gli hub del Mediterraneo, quelli della penisola sono messi peggio di tutti, a cominciare dal costo della manodopera fino ai più alti costi fiscali (vedi tassa d’ancoraggio). Non c’è concorrenza. La seconda ragione è che incentivi per risollevare questo settore sarebbero uno spreco di risorse che potrebbero essere spese in altro modo, come nei sistemi dell’Alto Adriatico e dell’Alto Tirreno. 
Alle dichiarazioni di Merlo è seguita la dura critica di Assologistica che considera la posizione del presidente dell’Autorità Portuale di Genova frutto di un evidente conflitto di interessi, visto che il sistema dei porti dell’Alto Tirreno ha Genova al centro. «I porti di transhipment – spiega Giancarlo Russo, vicepresidente di Assologistica e vicedirettore del terminal container di Taranto - hanno un futuro grazie alla loro posizione geografica sia nell’ottica door to door a minor costo, sia come porta verso l’area balcanica, sia verso il Nord-Est europei». E sulla concorrenza con i grandi porti del Nord Africa Russo afferma che «ci sono evidentissime distorsioni del mercato che sono la conseguenza del disinteresse nei confronti del sistema sovranazionale del transhipment, nel quale non vigono e non valgono le regole comunitarie né quelle nazionali». Concorrenza spietata insomma. 
Il problema, in particolare, risiede nel fatto che mentre molti scali godono di forti incentivi, quelli del Sud Italia devono farcela da soli. Il porto tunisino di Enfidha, per esempio, per le aziende che cominceranno l’attività nel corso del 2010 e realizzeranno almeno il 70% del fatturato con l’export (cioè quasi tutte) ci sarà l’esenzione fiscale totale per dieci anni. Sgravi che fanno impennare gli investimenti. Sempre in Tunisia un operaio costa 120 euro per 48 ore settimanali, un impiegato amministrativo 220 e un tecnico qualificato 320. A Gioia Tauro, come ha ricordato Merlo, cinque volte di più. 
Sono queste considerazioni ad aver portato il presidente Merlo alle sue ciniche conclusioni. Ancora il vicepresidente Assologistica, Giancarlo Russo, fa notare che senza il trasbordo «i quasi 5 milioni di teu di movimenti attualmente patrimonio dei porti hub del Sud Italia non si sposteranno verso i porti del Nord» e l’auspicio di Merlo «rappresenterebbe un grande regalo proprio ai porti egiziani, maghrebini etc. Invece – conclude Russo - se finalmente si correggeranno le distorsioni di mercato le multinazionali che hanno puntato negli hub meridionali confermeranno ulteriori investimenti».
L’opinione di Assologistica si basa su un principio semplice, come spiega la stessa associazione: «Ogni battaglia non combattuta è perduta per definizione». Per l'associazione significa soprattutto regole europee e nazionali valide allo stesso modo per tutti gli scali di trasbordo. I porti del Sud Italia si trovano attualmente “schiacciati” tra due fronti con Genova e i sistemi dell’Alto Adriatico e Tirreno da un lato e i porti di trasbordo nordafricani, che si comportano come una “nuova Cina”, dall’altro. La lotta per la sopravvivenza degli hub del Sud Italia è appena cominciata.
 
Paolo Bosso 
 
Nella foto: Giancarlo Russo, vicepresidente Assologistica
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
18 AGOSTO 2017 ore 10:35
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot