informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
02/07/2014
politiche marittime

Salerno, arrivano i fondi di Bruxelles

dot Salerno, arrivano i fondi di Bruxelles
di Paolo Bosso 
 
Ieri l'assessore alle Opere pubbliche della Regione Campania, Edoardo Cosenza, ha annunciato l'arrivo dei fondi europei regionali per il Grande progetto del porto di Salerno. Si tratta di 73 milioni di euro (anche se la Commissione Ue ne dichiara per la precisione 71,1), di cui 53,2 a carico di Bruxelles.
Lo sblocco definitivo dei fondi costituisce la terza tappa per l'avvio delle opere al porto di Salerno, dopo l'ok dell'antitrust Ue del 27 marzo e l'avvio il 16 aprile di un  bando di gara per due interventi alla banchina di Ponente e alla testata del molo Trapezio.
 
Le opere principali sono tre:
1. Ampliamento imboccatura portuale: 20 milioni. 
2. Dragaggio dei fondali di accesso a -17 metri, dragaggio fondale del porto tra -11,5 e -17 metri (attualmente è tra -8 e -11 metri): 21 milioni.
3. Consolidamento banchina di Ponente (lunghezza 380 metri) e della testata Trapezio (lunghezza 100 metri): 32 milioni.
I lavori consentiranno l'ingresso di navi container superiori agli 8mila teu.

Perché il Grande progetto di Salerno non è un aiuto di Stato
Bruxelles chiama “Grande” ogni finanziamento comunitario che riguarda progetti superiori ai 50 milioni di euro. “Grande” non è quindi un nome dato a caso, magari utile a qualche istituzione per pavoneggiarsi, ma un termine che indica una precisa soglia di investimenti.
Per quanto riguarda il porto di Salerno, il finanziamento da 53,2 milioni da parte dell'Ue non costituisce un aiuto di Stato. I motivi li ha chiariti la stessa Commissione Ue il 27 marzo, quando ha autorizzato l'erogazione del fondo. «Il progetto indurrà limitate distorsioni della competizione perché il porto di Salerno è un piccolo porto regionale, che serve principalmente la regione Campania». «L'aiuto concesso - prosegue Bruxelles - è in linea con l'articolo 107, paragrafo 3, lettera c del Trattato di Funzionamento dell'Unione Europea». 

Per l'Ue le concessioni devono essere trasparenti
La Commissione ritiene che gli operatori portuali non riceveranno un vantaggio economico indebito dal finanziamento. «I contratti di concessioni per l'utilizzo delle strutture del porto – spiega l'Ue nel documento del 27 marzo – saranno assegnati da gare pubbliche, aperte e non discriminatorie, in conformità con il diritto comunitario e la legge italiana sugli appalti pubblici». Per l'Ue nessuno beneficerà privatamente di questi aiuti, «lo stesso vale per gli utenti finali del porto di Salerno, che pagheranno i prezzi di mercato per i servizi offerto al porto».
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
17 AGOSTO 2017 ore 10:19
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot