informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
18/02/2010

Ripresa, aspettando il 2011

dot
Ripresa, aspettando il 2011
Buone notizie dai traffici marittimi internazionali. A gennaio i principali porti cinesi e americani hanno registrato un deciso miglioramento del movimento merci rispetto allo stesso mese del 2009. Ma si tratta della prima tappa di una ripresa che darà i suoi frutti solo nel 2011, quando gli stessi porti che ora segnano andamenti positivi li confermeranno a gennaio del prossimo anno.
Se si guardano i dati di Singapore per esempio, il volume movimentato il mese scorso è migliorato del 18,1%, lo stesso volume è inferiore del 5% sul gennaio 2008, quest’ultimo a sua volta superiore del 7,5% sul gennaio 2007. Per il porto di Hong Kong bisogna addirittura risalire al 2004 per registrare un incremento percentuale rispetto agli anni antecedenti la crisi economica. Stesso discorso vale per il porto di Long Beach dove il volume di traffico totale è stato superiore del 7,4% rispetto al gennaio 2009 ma risulta inferiore rispetto a quello movimentato nel gennaio del 2008, del 2007, del 2006 e del 2005. Solo nel 2004 il confronto è positivo. Lo stesso vale per Los Angeles dove bisogna risalire addirittura al 2003.
Anche la Elaa, l'European Liner Affairs Association (Elaa), presentando i recenti dati sui traffici marittimi containerizzati, frena gli entusiasmi. Il 2010 è partito bene, c’è un rialzo consistente dei volumi trasportati su alcune delle principali rotte già alla fine del 2009 ma i dati positivi risentono delle forti flessioni dell’inizio dello scorso anno. In particolare, lo scorso dicembre è stato registrato un aumento del 9,5% del traffico sulla relazione westbound dall'Asia all'Europa, pari ad oltre 1.105.195 teu rispetto a 1.009.632 teu del dicembre 2008. L'ultimo bimestre del 2009 è stato l'unico periodo dell'anno in cui sono stati totalizzati incrementi mensili del traffico (in novembre l'aumento è stato del 2,5%). Ancor più accentuato (+47%) è stato l'aumento dei volumi registrato nella relazione eastbound Europa-Asia lo scorso dicembre, mese nel quale il traffico è stato pari a 543.286 teu. 
Insomma la ripresa sembra vicina ma è presto per cantare vittoria. Uno dei segnali più rilevanti di un’economia in crescita sono i fatturati delle compagnie e il numero degli investimenti. Quando questi ultimi cominceranno a crescere e i principali porti mondiali confermeranno i buoni risultati attuali anche a gennaio del 2011 allora si potrà parlare di ripresa per il traffico marittimo.
 
Paolo Bosso 
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
23 AGOSTO 2017 ore 09:17
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot