informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
01/09/2014
politiche marittime, porti

Riforma portuale non va al Consiglio dei ministri

dot Riforma portuale non va al Consiglio dei ministri
di Paolo Bosso

Su 24 autorità portuali in Italia, nove sono attualmente sotto regime commissariale, pari a più di un terzo del totale, il 37,5%.

1. Manfredonia. Da quando è nata, otto anni fa, non ha mai avuto un presidente ma solo commissari.
2. Catania, dicembre 2012.
3. Napoli, marzo 2013.
4. Piombino, luglio 2013.
5. Olbia, settembre 2013.
6. Cagliari, novembre 2013.
7. Augusta, dicembre 2013.
8. Gioia Tauro, maggio 2014.
9. Ancona, maggio 2014.

È evidente che i commissariamenti portuali in Italia non sono un fenomeno temporaneo dovuto ad un'“emergenza”, quale dovrebbe essere la ragione alla base di un commissariamento, ma di una sistematica pratica organizzativa. 
I porti italiani hanno bisogno di una profonda riforma. Altri ennesimi decreti “sfolla-porti” non possono che perpetrare la stessa governance, andando soltanto a soddisfare la necessità del risparmio in questi tempi di crisi, senza fare un passo verso la competitività e il dinamismo, i due elementi chiave per far entrare i porti italiani nel XXI secolo. 
Basta con gli “interventi di emergenza”, le “ultime spiagge” o i vari “fate presto” con cui i giornali specializzati adorano titolare: è esattamente questa “necessità emergenziale” che ci ha portato in questa situazione. Emergenza fa rima con speculazione, sempre. Fateci caso: non è da sempre, da anni, da più di un decennio, che si dibatte sul fatto che i porti italiani hanno bisogno ORA di un “cambio di marcia”? Ma se siamo andati avanti lo stesso anche senza, vorrà dire che non c'è alcuna emergenza, soltanto manca la volontà di competere al livello internazionale.
 
Le quindici autorità portuali indicate nel decreto del ministro Lupi
Trasporto Europa rende noti i contenuti della bozza di decreto presentata dal ministro dei Trasporti Maurizio Lupi. In esso sono indicate quindici autorità portuali, quasi tutte aggregazione di più porti.
 
1. Genova-Savona.
2. La Spezia-Marina di Carrara.
3. Livorno-Piombino.
4. Napoli-Salerno.
5. Gioia Tauro-Messina.
6. Cagliari-Olbia-Porto Torres.
7. Palermo-Trapani.
8. Augusta-Catania.
9. Taranto.
10. Bari-Brindisi.
11. Ancona.
12. Ravenna.
13. Trieste-Monfalcone.
14. Venezia-Chioggia.
15. Civitavecchia-Fiumicino-Gaeta. 
 
Forse, il mancato inserimento nello Sblocca Italia del decreto proposto dal ministro dei Trasporti Lupi e dal governatore del Friuli Serracchiani (che prevede sostanzialmente lo sfoltimento del numero di autorità portuali) non è una cattiva notizia. Quella del ministro e del governatore non è una proposta di rilancio della portualità, una riforma, ma soltanto un'ennesima revisione della spesa che non fa un passo verso la governabilità.
È la governabilità il futuro della portualità italiana. Ma la bocciatura della proposta Lupi-Serracchiani è una buona notizia soltanto se ad essa seguirà entro l'anno una riforma corposa della legge 84/94, altrimenti vuol dire che allo Stato italiano questi porti piacciono così come sono.

Come si intende qualificare il presidente dell'autorità portuale? È sufficiente stabilire soltanto che sia una “massima e comprovata qualificazione professionale nei settori dell’economia dei trasporti e portuale” (articolo 8 legge 84/94) o è arrivato il momento di stabilire precise qualifiche professionali obbligatorie? Quale forma giuridica deve avere l'autorità portuale? Non è forse arrivato il momento di farla partecipare direttamente agli investimenti piuttosto che accontentarsi di inseguire i locatari per raccogliere qualche canone demaniale?
 
Nella foto, il commissario Gordon interpretato da Gary Oldman nel film Il cavaliere oscuro (2008) di Christopher Nolan.
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
22 AGOSTO 2017 ore 10:34
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot