informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
07/11/2014
porti

Porto di Taranto fra ritardi e burocrazia. Il focus del Propeller

dot Porto di Taranto fra ritardi e burocrazia. Il focus del Propeller
Quale influenza può avere sul territorio un importante terminal contenitori, oltre ed insieme ad altre specificità di trasporto portuale (merci varie, rinfuse solide e liquide, componenti di grandi impianti off-shore, grandi strutture metalmeccaniche, ro-ro, ro-pax, traghetti o navi di crociera)? E’ la domanda a cui hanno cercato di dare una risposta i partecipanti del convegno “Il Porto di Taranto con o senza container”, organizzato nei giorni scorsi dall’International Propeller Club Port of Taras, presieduto da Michele Conte. Con lui erano presenti Umberto Masucci, presidente nazionale de The International Propeller Clubs, Giovanni De Mari, presidente del Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali, l’agente marittimo Vito Totorizzo e il nuovo Comandante della Capitaneria del Porto di Taranto, Giuseppe Famà. Il confronto si è articolato tra criticità e prospettive dello scalo pugliese, proprio in questo periodo al centro di un dibattito decisivo per il proprio futuro. 
“Per ciò riteniamo – ha spiegato Conte - che non sia opportuno entrare nel merito delle responsabilità della difficilissima congiuntura che sta attraversando il porto di Taranto, in particolare per le vicende che stanno caratterizzando il Terminal contenitori con le problematiche occupazionali e le opportunità di sviluppo delle attività di logistica intermodale dell’interno porto e, in particolare, degli impianti di Taranto Logistica in corso di realizzazione. La delicatezza delle trattative in corso con due primarie società straniere quali Evergreen e Hutchinson – ha proseguito il presidente del Propeller Club Port of Taras - impone che si possa giungere ad una soluzione che non veda compromessi i diritti dei lavoratori, le convenienze economiche degli investitori e le opportunità di sviluppo del porto e del territorio”.
Umberto Masucci, ha ricordato come quello jonico sia il terzo porto d’Italia, quindi strategicamente molto importante per il Paese. Nonostante questo, “lo Stato ha preso tanti impegni che non ha mantenuto”.  Risulta allora necessario “fare rete fra i diversi soggetti interessati alla portualità. E’ nostro compito – ha concluso Masucci - incalzare i politici sia locali che nazionali per affermare la centralità del TCT, che da parte sua deve garantire più traffico”.
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
21 AGOSTO 2017 ore 17:06
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot