informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
12/06/2014
porti

Porto di Napoli, ok dell'Ue alle opere a terra

dot Porto di Napoli, ok dell'Ue alle opere a terra
di Paolo Bosso
 
Il commissario europeo alle Politiche Regionali Johannes Hahn ha dato il via libera a una parte del “Grande progetto” del porto di Napoli. Circa 115 milioni di euro del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (Fesr) 2007/2013 da spendere entro il 15 dicembre 2015 per rinforzare le infrastrutture di terra. 
Tre interventi principali: rete fognaria, collegamenti stradali e recupero dell'edificio dell'Immacolatella Vecchia. La Regione Campania in una nota ha elencato i singoli interventi:
• completamento della rete fognaria portuale (ad esso si aggiunge la realizzazione di un depuratore con fondi locali).
• riassetto dei collegamenti stradali e ferroviari interni.
• bonifica dei fondali in previsione delle opere di dragaggio (non incluse in questo finanziamento).
• eventuale messa in restauro di reperti archeologici trovati nella fase di bonifica.
• messa in sicurezza della darsena della Marinella.
• “efficientamento” energetico (in sostanza un investimento sul risparmio dei consumi, magari utilizzando pannelli solari)
• prolungamento della diga Duca d'Aosta.
 
Dragaggi? 
Nell'elenco della Regione ci sarebbe anche l'escavo dei fondali dell'area orientale con deposito in cassa di colmata della darsena di Levante, ma si tratta di un intervento che necessita di un altro via libera, quello del ministero dell'Ambiente.
 
Grandi interventi rimandati 
Ancora fuori quindi le opere importanti, quelle che una volta si chiamavano “grandi opere” e ora “grandi progetti”. Ovvero: dragaggi, nuovo terminal container di Levante e delocalizzazione della darsena Petroli, su cui pesa il veto delle stesse compagnie petrolifere. Questi tre, grossi interventi potrebbero essere inseriti nella prossima programmazione Fesr 2014-2015 o in un Piano di Accumulo del Capitale. 
Ciò non toglie che questi complessivi 154 milioni (115,6+fondi locali) costituiscono un «importante passo verso una migliore qualità delle infrastrutture e della sostenibilità del porto» come sottolinea il commissario Ue Hahn, e renderanno «la regione più interessante per armatori e operatori del settore».
È ancora presto per sapere quali saranno i primi interventi a partire, ma è questione di giorni. L'anno scorso, di questo periodo, quando il grande progetto si divise in due, l'Autorità portuale stilò un elenco provvisorio dei bandi: a settembre strade e ferrovie, a ottobre bonifica fondali e museo archeologico al palazzo dell’Immacolatella, a gennaio il prolungamento della diga foranea. I primi bandi di gara per circa 50 milioni di euro, segnala l'assessore ai Lavori Pubblici Edoardo Cosenza, partiranno nelle prossime settimane.
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
21 AGOSTO 2017 ore 17:06
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot