informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
10/02/2012
autotrasporto, porti

Porto di Napoli, i committenti denunciano disagi e danni alle attività

dot
Porto di Napoli, i committenti denunciano disagi e danni alle attività

Al terzo giorno di sospensione dei servizi di autotrasporto container dal porto di Napoli, la committenza (agenti marittimi e spedizionieri) fa il punto della situazione e risponde alle accuse di essere il responsabile del blocco dei servizi. Come è noto, tutta la questione parte dall’applicazione dei costi minimi di sicurezza, stabiliti per legge, di cui i trasportatori ne chiedono l’applicazione dallo scorso 8 febbraio.
In una lettera inviata al Prefetto ed alla Autorità portuale di Napoli, i committenti (Assospena, Assoagenti, Accsea e Consiglio Compartimentale degli spedizionieri doganali) condannano la protesta degli autotrasportatori.
Nella lettera  al Prefetto si auspica “un intervento che possa ripristinare normali condizioni per l’esercizio dell’attività presso i terminal container. La protesta organizzata dagli autotrasportatori aderenti alla FAI –scrivono i committenti-  annunciata a mezzo comunicato stampa dello scorso 6 febbraio, sta arrecando notevoli disagi e forti danni economici all’attività dell’intera comunità portuale.Tra l’altro, con un secondo comunicato stampa di ieri, tali danni vengono quantificati (150mila euro al giorno, ndr.) ed erroneamente attribuiti alla responsabilità delle imprese committenti del trasporto (spedizionieri e agenti), accusati aprioristicamente di operare fuori dall’ambito normativo”. “L’atteggiamento irresponsabile degli autotrasportatori –prosegue la lettera- non trova giustificazione alcuna nel merito e neppure nel metodo della protesta. Infatti non è concepibile che una seppur legittima decisione di un autotrasportatore di interrompere i servizi nei confronti della propria committenza, al fine di tutelare i propri interessi, si traduca in un impedimento oggettivo allo svolgimento regolare di attività economiche e servizi per l’intera collettività, in assenza di proclamazione di fermo secondo i termini previsti dalla legge. Osserviamo al riguardo che, nonostante le rassicurazioni espresse nel primo comunicato stampa della FAI, di fatto la committenza che opera nell’ambito della legge non è stata affatto tutelata, essendo stato impedito l’accesso al terminal container senza distinzioni”. “Riteniamo –continua l’esposto al Prefetto- che la materia attenga al rapporto contrattuale tra l’autotrasportatore ed il suo committente e che la legge preveda idonei strumenti affinché il vettore veda riconosciuto ogni suo diritto. Risulta inoltre che l’accesso al terminal container venga condizionato alla sottoscrizione di un modello contrattuale unico imposto arbitrariamente, violando così la libertà della forma contrattuale e della relativa trattativa. Evidenziamo altresì il fatto che il Protocollo d’Intesa sottoscritto dagli autotrasportatori aderenti alla FAI, nella sua prima e nella seconda stesura, risulta inaccettabile per la committenza, ponendosi al di fuori dalle previsioni normative e assolutamente avulso dagli atti amministrativi assunti dall’Osservatorio per l’autotrasporto e, sotto certi profili, anche lesivi delle regole della concorrenza. Le imprese nostre associate –conclude la lettera al Prefetto- avvieranno comunque le opportune azioni di rivalsa per i danni economici subiti e sostenuti in conseguenza dell’interruzione del servizio ad opera degli autotrasportatori, interruzione per la quale ribadiamo la necessità di un Suo pronto interessamento finalizzato a rimuovere ogni ostacolo al regolare svolgimento delle attività in ambito portuale”.

Ultim'ora: Alle 12 di oggi, 13 febbraio, sono stati convocati dal Prefetto di Napoli rappresentanti della Fai, della Committenza, Autorità portuale per discutere e trovare soluzioni alla protesta degli autotrasportatori che da mercoledì scorso 8 febbraio hanno sospeso il servizio container da e per i terminal del porto di Napoli. La protesta ha origine dall'applicazione dei costi minimi di sicurezza che i trasportatori chiedono alla committenza a seguito della legge 127/10 art. 8 bis. Nei giorni scorsi c'erano state polemiche e distinguo da parte dei trasportatori prima e della committenza (agenti marittimi, spedizionieri e case di spedizione) poi, a cui s'aggiunge l'intervento contro il fermo dei servizi da parte dell'Unione degli industriali (sezione logistica, intermodalità e trasporti)

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
22 AGOSTO 2017 ore 16:34
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot