informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
27/07/2014
politiche marittime

Pirateria, aumentano gli attacchi in Cina

dot Pirateria, aumentano gli attacchi in Cina
La proroga per l'imbarco di guardie armate private a bordo, valida fino alla fine dell'anno, permette agli armatori italiani di mantenere alta la difesa contro la pirateria. Il fenomeno si conferma un pericolo sempre costante, che in questa prima metà del 2014 non si è placato.
Se la Somalia e la zona del golfo di Aden non sono più l'epicentro della pirateria, l'emergenza resta alta sia nel golfo di Guinea che in Asia, dove effettivamente la pirateria moderna raggiunge da sempre il suo apice e dove la lotta è ancora più difficile che in altri scenari.
 
Aumentano gli attacchi in Cina, diminuiscono nell’Oceano Indiano
Il Regional Cooperation Agreement on Combating Piracy and Armed Robbery against Ships in Asia (ReCAAP), il centro regionale anti pirateria di Singapore, ha riportato un trend diverso per questi primi mesi del 2014 rispetto a quello degli ultimi anni: in questo primo semestre sono aumentati gli attacchi nel sud della Cina, anche dal punto di vista della violenza. Nell'Oceano Indiano, invece, gli assalti sono diminuiti, con diciotto episodi di pirateria e cinquantacinque furti armati a bordo, ed era dal 2010 che non si registravano numeri cosi bassi. Tra i plausibili motivi alla base di questo calo vi potrebbe essere la strategia anti pirateria messa in campo dall'Indonesia, che sembrerebbe particolarmente efficace.
L'aumento della pericolosità delle acque cinesi desta però preoccupazioni, e potrebbe essere necessario un confronto con le autorità nazionali per trovare una linea di difesa. Gli attacchi mirano principalmente a navi di piccole dimensioni che portano petrolio, i pirati trasferiscono il carico su altre navi e poi verosimilmente lo rivendono al mercato nero. Un cambiamento rispetto il passato, in cui i bersagli degli assalti erano in genere navi ormeggiate fuori i porti.
 
Il rapporto degli ultimi sei mesi nel mondo 
L'International Maritime Bureau, principale banca dati sui pirati e punto di riferimento in caso di attacchi, ha diffuso delle statistiche parziali per il 2014. Ad oggi, sono 116 gli attacchi pirata, ventidue in meno che nello stesso periodo dell'anno scorso. Due i marittimi uccisi, duecento quelli ostaggi, dieci navi sequestrate e settantotto assalite.
 
Nella foto, Capture of the Pirate Blackbeard (1718), raffigurante la battaglia tra Barbanera and Robert Maynard nella baia di Ocracoke, Nord Carolina. 
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
19 AGOSTO 2017 ore 10:36
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot