informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
15/04/2015
politiche marittime, armatori

Perché l'Italia non è una potenza mediterranea

dot Perché l'Italia non è una potenza mediterranea

di Alessandro Sansoni - Limes

 

Se il Mediterraneo sia luogo di “incontro di civiltà” oppure di “scontro tra popoli” è questione che la storiografia moderna ha dibattuto a lungo.

 

Braudel risolveva il dilemma considerando questo mare - in base alla sua specifica fisiologia geopolitica condizionata dal fatto di essere una specie di immenso lago – entrambe le cose: campo di battaglia e di rapina, ma anche crocevia di traffici e di migrazioni, di contatti pacifici e fruttuosi anche dal punto di vista culturale. Tanto da arrivare a considerarlo come un’area per molti aspetti omogenea sotto il profilo della civilizzazione, dotata di una propria koiné di usanze e di mentalità, nonostante la fondamentale frattura Islam-Cristianità che lo caratterizza da 1.500 anni.

 

Una frattura che oggi, nell’epoca del fondamentalismo islamico e dell’Isis, sembra ancora più marcata, aggravata da quell’immigrazione di massa che si riversa sulle coste meridionali dell’Europa, generando paure e oggettive difficoltà di gestione. L’Italia, per la sua posizione geografica, è il paese più esposto alla tempesta epocale che sconvolge il Mediterraneo in seguito al caos generato dalle cosiddette “Primavere arabe”. Queste, invece della democratizzazione e dell’adeguamento a standard di vita più occidentali, hanno prodotto in Nord Africa e Medio Oriente conflitti civili, instabilità politica e “Stati falliti”, con tutti i rischi che questo comporta in un’area cruciale dal punto di vista economico, energetico e diplomatico.

 

Di fronte a questo scenario è forte la tentazione di alzare barriere. I mass-media tendono a darci l’impressione che questo avvenga davvero: operazioni come “Mare Nostrum” e “Frontex”, pur pietose e inclusive nei confronti delle masse di disperati che attraverso la nostra penisola vorrebbero risalire verso l’Europa – e criticatissime proprio perché ispirate da una logica umanitaria – appaiono, sulle cartine che le descrivono pubblicate dai giornali, come il tentativo delle flotte italiane ed europee di porre i nostri i confini e la nostra sorveglianza sul Mediterraneo quanto più lontano possibile dalle nostre coste.
Esse definiscono in qualche il modo il limes, demarcando il confine tra “noi” e “loro”. Eppure, proprio perché lageopolitica non permette che sia altrimenti, il Mediterraneo continua a essere non soltanto una frontiera ma anche un decisivo luogo di traffici e di collegamenti marittimi pacifici fruttuosi per tutti, oltre che indispensabili, dal momento che i trasporti di merci via mare continuano a rappresentare il 90% del trasporto mondiale.

Continua a leggere su Limes

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
19 AGOSTO 2017 ore 10:36
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot