informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
13/02/2012
cantieri, nautica

Nautica, parola d'ordine: diversificare

dot
Nautica, parola d'ordine: diversificare
Nella crisi della nautica a tenere sono le piccole imprese. Sulla base delle indagini effettuate da Cna Produzione Nautica e dall’istituto di ricerca Eures, presentata ieri a Carrara nel corso della rassegna Seatec. Dal 2008 a oggi, il 43% non ha registrato variazioni di fatturato, il 38,9% ha avuto cali compresi tra il 10 e il 30%, mentre solamente il 16,8% superiori al 30%.
Dall'indagine, condotta su 211 imprese della filiera nautica associate alla confederazioni del centro-Nord e in Sardegna, emerge un mercato che nell’ultimo anno si è diversificato, proprio per reagire alla crisi, contando sul prodotto made in Italy. 
I sondaggi indicano che ben l'81,8% segnala una sostanziale stabilità sul fronte occupazionale, mentre il 17,2% dichiara una riduzione degli addetti. Più stabile la quota del mercato estero che per il 92,1% delle imprese non ha subito variazioni. Soltanto il 5% lo indica in diminuzione mentre per il 2,9% è in aumento. 
L’imperativo attuale è quindi diversificare. Di fronte ad ordini che, rispetto alle navi di grandi dimensioni, non sono in calo, le aziende si indirizzano verso altre attività, soprattutto verso quelle di riadattamento (34,6%), che consentono una maggiore continuità di lavoro, un rapporto diretto con il cliente finale e più liquidità. Seguono le costruzioni in vetroresina (22,7%), rimessaggio (18,5%), impiantistica elettrica, idraulica e ventilazione (17,5%), arredi e lavorazioni in legno (12,3%) e in altri materiali (13,3%). Al di là delle specifiche attività, secondo l'indagine, la qualità del made in Italy resta, nella percezione del campione, un vantaggio competitivo quasi strutturale, difficilmente recuperabile nel medio termine da parte della concorrenza estera. Una consapevolezza che però viene minata sempre più dalla globalizzazione, lo spostamento degli equilibri economici mondiali e la domanda del settore verso i paesi emergenti.
Al di là delle letture a breve termine, il 73% delle imprese non prevede per i prossimi 3-5 anni un ritorno dei livelli di redditività del periodo pre-crisi antecedenti al 2008; una prospettiva definita “improbabile” dal 36,5% del campione e “impossibile” da un altrettanto 36,5%; soltanto l'8,5% delle imprese immagina di recuperare nel medio termine quote di fatturato, un'eventualità ritenuta “possibile” dal 18,5%.

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
22 AGOSTO 2017 ore 13:39
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot