informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
17/09/2012
nautica

Nautica italiana col fiato corto

dot Nautica italiana col fiato corto
Si addensano nuvole cariche di pessime notizie per la nautica italiana: le richieste di ormeggi e di rimessaggio sono in forte caduta. Ad annunciarlo il presidente di Assomarinas Roberto Perocchio nel corso del “Work in progress tra recessione e programmi di sviluppo – Fisco, Territorio e Impresa”, incontro pubblico tenutosi a Castellammare di Stabia dall'associazione italiana dei porti turistici nell’ambito dei lavori dell’assemblea annuale. «Purtroppo – ha affermato Perocchio- il 2012 non è stato un buon anno per la nautica e dalle notizie che ci giungono dai nostri associati (Assomarinas raggruppa 88 marine distribuite lungo le coste nazionali, ndr.) per il prossimo anno le previsioni sono pessimistiche, non c’è da stare allegri. La caduta è verticale: la richiesta di ormeggi è stata inferiore del 15/25% in alcuni casi si è raggiunto il 50%. I rimessaggi sono calati del 30%». Mentre il presidente affermava questo nel Sud Italia, al Nord a Santa Margherita Ligure il presidente di Ucina Anton Francesco Albertoni affermava «che dal 2008 al 2012 il settore nautico ha perso in valore oltre l'80%. Su questo pesa sia la diminuzione congiunturale dei consumi e delle spese sia insensati atti di politica economica, quasi incredibili se si pensa essere stati condotti da un governo composto da tecnici che si presume abbiano competenza in materia».
Stessi concetti ribaditi da Perocchio che, però, annunciava come nel piano sviluppo di porti turistici ai 14mila posti barca esistenti ed ai 21mila da costruire se ne aggiungeranno ben 42mila in discussione. In totale circa 80mila posti barca tra disponibili, in arrivo e in progetto. Non saranno troppi in considerazione di una crisi che, nel breve, non vede via d’uscita?
Su questi temi è proseguita la discussione che ha visto promotori, tra gli altri, Antonio Barreca direttore generale di Federturismo su “Azioni europee per lo sviluppo del turismo costiero”; Franco Vernassa su “Pressione fiscale nel comparto nautico” e Stefano Zunarelli su “Projet-financing e portualità turistica”.
Vernassa ha confermato la forte pressione fiscale sul comparto: solo il governo Monti ha effettuato sette manovre; mentre il precedente governo Berlusconi ne ha fatte 12 in dodici mesi. I sette provvedimenti Monti prevedono 398 decreti, di cui solo 40 sono stati varati. Comparto in ginocchio? Per Barreca il settore nautico è sicuramente il più penalizzato tra quelli del comparto turistico.

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
18 AGOSTO 2017 ore 10:35
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot