informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
18/03/2013
porti

Napoli, 2013 anno chiave

dot Napoli, 2013 anno chiave
di Paolo Bosso 
 
Con la nomina di Luciano Dassatti a commissario del porto di Napoli avvenuta la settimana scorsa, si apre una stagione delicata per lo scalo partenopeo che deve vedersela con un cambio di presidenza tra i più tribolati della storia. Il 4 febbraio è scaduto il mandato di Dassatti, che non figura nella quaterna portata al ministro dei Trasporti Passera. Il presidente uscente ha visto prima prorogarsi di 45 giorni il mandato e poi, senza sorprese, la nomina a commissario per la seconda volta (alla fine del 2008, prima di diventare presidente, fu nominato commissario all’indomani delle dimissioni di Francesco Nerli, travolto dallo scandalo delle “cene elettorali” del PD).
Il prossimo presidente del porto di Napoli avrà di fronte a se un’unica grande sfida che le riassume tutte: il Grande Progetto, il finanziamento europeo da 335 milioni di euro destinato alle banchine e alle ferrovie. Dentro c’è tutto: piping sottomarini per togliere la darsena petroli e sbloccare così un altro vecchio cantiere mai avviato, la darsena di Levante, destinata a raddoppiare la superficie del terminal container; la riorganizzazione delle autostrade del mare; la dislocazione dei cantieri; e poi dragaggi, bonifiche dei fondali. Il Grande Progetto rappresenta una gran bella opportunità destinata a stravolgere e potenziare enormemente gli approdi, o un progetto talmente grande da implodere su se stesso.
 
 
Poi c’è il molo San Vincenzo, uno dei simboli delle potenzialità inespresse, un molo borbonico da due chilometri occupato dalla Marina Militare che inaugurerebbe una nuova stagione crocieristica, dando fiato a una Stazione Marittima che più di due approdi al giorno non può garantire. Ma su questo si riscontra il muro incontrato dagli agenti marittimi napoletani capeggiati da Umberto Masucci, gli unici che in questi anni si sono impegnati a promuovere le opportunità di un molo di queste dimensioni. Nel 1999 lo ristrutturano a loro spese, negli ultimi due anni hanno dedicato due maratone per sensibilizzare l’opinione pubblica, ma finora non ci hanno ricavato neanche un ragno dal buco.
Civitavecchia, Savona, Salerno, Venezia e Trieste stanno investendo tanto nelle crociere, chi con nuove banchine e chi ammodernando quello che ha. Napoli invece è ferma all’inaugurazione della Stazione Marittima avvenuta più di dieci anni fa, e non potrebbe fare altrimenti visto che non ci sono gli spazi per realizzare neanche un chiosco dei gelati, per questo il Grande Progetto è davvero grande. Al momento però le risorse sono state bloccate dalla stessa istituzione che le ha erogate, l’Unione Europa, con l’ufficio Antitrust che sta indagando sulla possibilità che il finanziamento sia di fatto un aiuto di Stato. 
Se il responso dell’Ue sarà negativo e il molo San Vincenzo liberato, il porto di Napoli potrà ricominciare a far crescere le crociere dopo un 2013 che si annuncia in calo, con la perdita dello storico terzo posto nella classifica nazionale.

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
23 AGOSTO 2017 ore 09:17
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot