informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
02/09/2010

Molo San Vincenzo, come gestire il demanio?

dot
Molo San Vincenzo, come gestire il demanio?
Tutti d’accordo sul molo San Vincenzo (nella foto il faro). Prima la Regione con l’assessore ai trasporti Sergio Vetrella, poi il presidente dell’Autorità Portuale Luciano Dassatti, entrambi disponibili a riqualificare un’area dalle potenzialità enormi per lo sviluppo del turismo che viene dal mare, soprattutto crocieristico. Il molo San Vincenzo è il cruccio di Umberto Masucci, vicepresidente della Federazione del Mare, con un passato alla presidenza nazionale, europea e mondiale degli agenti marittimi. Un cruccio e una passione per la quale ogni occasione è buona per richiamare l’attenzione su questa infrastruttura inutilizzata. L’ultimo intervento, che ha prodotto molto interesse nelle istituzione e tra gli operatori, è stato fatto sul Corriere del Mezzogiorno della scorsa domenica. Una lunga intervista in cui spiegava quello che ormai ripete da tanto tempo. Le reazioni non si sono fatte attendere e l’appoggio è stato unanime: Vetrella, Dassatti, Nicola Oddati, assessore alla Cultura del Comune di Napoli, Umberto Ranieri, Responsabile Mezzogiorno del Pd, Gianni Punzo, imprenditore di spicco, presidente del Cis e dell’Interporto di Nola. Tutti d’accordo.
Eppure da qui ad avere una passeggiata a mare che da via Acton porti al centro del Golfo di Napoli ce ne vuole. L’ostacolo principale può essere riassunto in una sola parola: demanio. Il molo San Vincenzo è imbrigliato in maglie burocratiche strettissime che ne impediscono la libera gestione. A ben vedere la struttura è equamente divisa: la Marina Militare gestisce le cosiddette “palazzine rosse” - punto di accesso al molo, adibite a uffici sede del Maridist Napoli - e la parte del molo che va dal bacino di raddobbo alla radice; l’Autorità Portuale gestisce il resto della banchina e la Darsena Acton, attualmente destinata all’ormeggio di imbarcazioni da diporto. E’ chiaro quindi che prima di progettare ristoranti, case artigiane, percorsi pedonali e quant’altro, occorra prima di tutto sbloccare la gestione demaniale di una zona attualmente off limits. Il che sarebbe possibile solo spostando gli uffici della Marina da un’altra parte (riportandoli a via Cesario Console, per esempio), sbloccando così le palazzine rosse. Sia Vetrella che Dassatti sperano che gli edifici in questione siano alienabili. Anni fa, infatti, la stessa Agenzia del demanio le dichiarò tali. I lavori che permetterebbero l’attracco delle navi, gli estradossi della banchina per esempio, non dovrebbero essere un problema poiché sono compiti che spettano all’Authority. Senza dimenticare che una parziale riqualificazione c’è già stata nel 1998, quando si spesero ben 20 miliardi di lire per ristrutturare le arcate e ricostruire la pavimentazione.
«Il primo passo sarà ottenere dalla Marina Militare l’autorizzazione a far passare i crocieristi e, più in generale, i cittadini negli spazi del molo» spiega Vetrella. Il secondo passo, sempre secondo l’assessore, sarà poi la verifica della effettiva alienabilità degli edifici rossi. Secondo Dassatti «gli ostacoli sono superabili», «con l’assessore Vetrella – spiega al Corriere del Mezzogiorno – abbiamo deciso di chiedere un appuntamento al capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio Bruno Branciforte», «ci andremo a giorni – ipotizza il presidente dell’Autorità Portuale di Napoli – forse anche la prossima settimana».  

 
Paolo Bosso 
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
17 AGOSTO 2017 ore 16:24
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot