informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
05/06/2015
politiche marittime, porti

Mediterraneo, northern range, e l'Italia ferma in mezzo

dot Mediterraneo, northern range, e l'Italia ferma in mezzo
di Paolo Bosso 
 
Il secondo rapporto annuale del Banco di Napoli sull'economia marittima del mediterraneo riporta un bacino logistico in salute, se si guarda al lungo periodo e in una fotografia di insieme. A vedere invece da vicino il nostro paese la situazione, secondo il centro Studi e riceche per il Mezzogiorno (Srm) della banca partenopea, è quella di un sistema portuale in stallo. Una penisola con 7.600 chilometri di costa che movimenta tantissimi passeggeri, fa tanto trasbordo, ma che non è allacciata logisticamente con l'efficace sistema di trasporto del Nord Europa.

Secondo il rapporto c'è da migliorare le infrastrutture logistiche italiane in tre mosse: integrazione intermodale, attrazione di investimenti esteri e “logistica del Mezzogiorno”. La prima mossa è forse l'investimento più impegnativo, visto che si tratta di mettere mano agli allacci ferroviari che, per esempio nell'hinterland campano, sono carenti. La seconda mossa, secondo Srm, è rappresentata dalle zone economiche speciali, quelle aree con tassazioni agevolate o del tutto esenti. Infine, la “logistica del Mezzogiorno” non è altro che un'agenda politica, una volontà di voler sviluppare il trasporto merci nel Meridione d'Italia.

Quanto vale l'economia marittima in Italia
Secondo i calcoli Srm vale 43 miliardi di euro e dà lavoro (indotto e diretto) a 800mila persone.

Il sistema marittimo del Mediterraneo
Quello del Mediterraneo, se pensato tenendo conto dei sistemi portuali dei paesi che vi si affacciano (principalmente Nord Africa, Spagna meridionale, Italia alto adriatica e tirrenica, Grecia e sponda Est), non ha nulla da invidiare al Northern Range, movimentando il 33 per cento dei container che girano per il mondo, il sistema portuale del Baltico ne movimenta poco di più, il 42 per cento.
Quello mediterraneo è un sistema portuale che fino a vent'anni fa praticamente non esisteva. Nel 1995 movimentava 9,1 milioni di teu, oggi cinque volte tanto, 45 milioni di teu.

Lo stallo dell'Italia, primo paese europeo nel cabotaggio merci
L'Italia è al diciassettesimo posto da dieci anni nel Liner shipping connectivity index, l'indicatore Unctad che misura la competitività marittima di un paese (Olanda e Germania sono al primo posto ovviamente). La metà delle merci che l'Italia movimenta nei suoi porti è alla rinfusa, poco più di dieci milioni sono i container movimentati ogni anno. Il suo primato è nel traffico a corto raggio, il cabotaggio merci, lo short sea shipping, dove siamo i primi in Europa con poco più di 200 milioni di tonellate l'anno.

Il boom delle zone economiche speciali
In linea con il liberismo sfrenato, negli ultimi trent'anni le zone economiche speciali sono passate da 79 del 1975 a 3.500 del 2005. La maggior parte si trovano negli Emirati Arabi, Cina e Nord Africa. Il 60 per cento sono gestiti da privati. Questo spiega parte dell'enorme sviluppo dei porti del Nord Africa.

Nord Africa in grossa espansione
L'anno scorso Tanger Med ha movimentato 3 milioni di teu, il 20 per cento in più del 2013, ed ha un decimo della quota del traffico container mediterraneo.

Navi giganti, pochi attracchi
Nei prossimi tre anni le portacontainer tra le 13mila e le 21mila teu saranno 221. Ma pochissime di queste attraccheranno nel Mediterraneo. Ci transiteranno, scaricheranno in un pugno di porti - Algeciras, Pireo e Gioia Tauro i principali – ma il grosso continuerà verso i grandi sistemi logistico-portuali di Anversa, Amburgo e Rotterdam. Per esempio, la classe “tripla E” di Maersk, le portacontainer più grandi dell'armatore (19mila teu), dalla Cina al northern range faranno tappa solo ad Algeciras nel Mediterraneo. 
Nel 2018 la flotta mondiale di portacontainer salirà a 22 milioni di teu. Una capienza enorme, eccessiva rispetto alla capacità di movimentazione complessiva dei porti del mondo. È il fenomeno dell'oversupply, dell'eccesso di capacità, che influisce in maniera importante sui tassi di nolo delle stesse navi.

Mondo globale, armatori globali
Il mondo armatoriale è sempre stato caratterizzato da grossi soggetti più che da una pluralità di compagnie. E lo sarà ancora di più in futuro ora che sono i grossi armatori ad allearsi. Cinque armatori, alleati in due distinte joint (2M, Maersk Line+ Mediterranean Shipping company; Ocean Three, Cma Cgm+Csl+Uasc), controlleranno in futuro una grossa fetta della direttrice Asia-Mediterraneo: il 39 per cento la 2M, il 27 per cento la Ocean Three. Il resto sarà controllato da altre due alleanze: G6 (Nyk, Oocl, Hapag Lloyd, Apl, Mitsui Lines, Hmm) al 23 per cento e Ckyhe (Hanjing Shipping, K Line, Evergreen, Yang Ming, Cosco) al 26 per cento.
 
Immagine in alto (via) 
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
18 AGOSTO 2017 ore 10:35
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot