informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
24/02/2011

Mare Nostrum, il contratto di rete approda nel diporto

dot
Mare Nostrum, il contratto di rete approda nel diporto
Un contratto di rete su base nazionale dedicato all’industria nautica. Da Roma, Ucina, Confindustria Campania, Liguria, Marche e Toscana hanno sottoscritto un accordo di cooperazione insieme alle associazione industriali di Ancona, Bari, Bat (Barletta, Andria, Trani), Ferrara, Genova, Latina, Pesaro-Urbino e Taranto.
Il progetto si chiama Mare Nostrum e consiste in un contratto di rete volto a rafforzare la cooperazione fra le imprese nautiche integrando le politiche industriali del settore con quelle del turismo, dell’ambiente e della tecnologia. Tutto attraverso questo “contratto di rete”, uno strumento simile al consorzio nato con una normativa del 2009 che consente ad aziende dislocate in punti geografici diversi di mettere in campo progetti comuni godendo di agevolazioni fiscali. Il contratto gode anche di un altro vantaggio, quello dato dalla legge 122/2010 che prevede che gli utili delle imprese che sottoscrivono un contratto di rete non concorrono alla formazione di reddito fino a un tetto di un milione di euro, ovviamente se vengono investiti nel programma di rete. Per le agevolazioni fiscali il governo investirà fin’ora 48 milioni di euro tra il 2011 e il 2013 e, se la rete funzionerà, il ministro Tremonti ha promesso ulteriori aiuti.
Al momento i contratti di rete stipulati nel territorio nazionale sono 13, tutti con carattere prevalentemente locale. Confindustria si è subito messa al lavoro creando l’agenzia Reteimpresa, pronta a sostenere il progetto per la nautica. «Quello della nautica è il primo sottoscritto da un così ampio numero di soggetti – spiega Aldo Bonomi, vicepresidente per le Politiche territoriali e distretti industriali di Confindustria e a capo di Reteimpresa – ed è importante che comprenda un’associazione di categoria come Ucina. Con l’accordo si raggiungono obiettivi importanti. In primo luogo si soddisfano le esigenze delle imprese che possono condividere know how, aumentare la capacità dimensionale e superare il localismo».
Positivo anche il commento del presidente Ucina Anton Francesco Albertoni. Le aziende dell’associazione, spiega, «sono orientate all’estero, espongono in saloni internazionali. E’ quindi una notevole opportunità avere uno strumento di defiscalizzazione semplice, che non richiede grande impegno burocratico. Con questi contratti, infatti, un’azienda della Lombardia, ad esempio, può mettersi in rete con un’impresa pugliese per lavorare, magari per un cliente americano». Che sia uno strumento notevole lo dimostrano le aziende che da subito potranno usarlo: 250, la metà degli iscritti a Ucina ma il progetto è aperto anche ad aziende nautiche non iscritte a Ucina o Confindustria. 

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
23 AGOSTO 2017 ore 09:17
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot