informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
22/12/2010

Lo strano caso dell'Italia delle crociere e dei porti specializzati

dot
Lo strano caso dell'Italia delle crociere e dei porti specializzati
L’Italia marittima può ritenersi più che soddisfatta nel 2009: è il primo paese del Vecchio Continente nei passeggeri movimentati e il secondo insieme all’Olanda per merci transitate. Tenendo conto che nella nostra penisola non c'è una politica portuale nazionale a lunga scadenza e l'economia marittima è sempre stata sottovalutata dai governi, il risultato è notevole. 
Il resto del mondo invece non se la passa tanto bene. Secondo il nuovo rapporto Review of Maritime Transport 2010 dell'Unctad (Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo), l’anno scorso il trasporto marittimo globale ha registrato una flessione del 4,5%. In calo quasi tutti i comparti: rinfuse liquide (-3%), greggio, (-3,4%), prodotti petroliferi (2,4%) e container (-9%). I carichi secchi sono stati quelli più colpiti perdendo traffico per la prima volta dal 1983: -5,2%. Gli unici settori ad essere in buona salute sono il gas naturale liquefatto (+7,2%) e le rinfuse solide (+1,4%), va precisato però che quest’ultimo comparto è stato salvato dalle forti importazioni di ferro della Cina (+38,9%), perché le altre tipologie di merci della categoria (bauxite, allumina e fosfati) segnano cali a doppia cifra. 
Per l’Italia a parlare sono i dati Eurostat. L’anno scorso sulle banchine del nostro paese sono passati circa 92 milioni di passeggeri, pari a un quarto (23%) del traffico totale europeo. Nelle merci invece si piazza al secondo posto a 437 milioni di tonnellate a pari merito con l’Olanda. A spiegare nei dettagli le tipologie di traffico ci pensa il presidente Assoporti Francesco Nerli: «Dell’intera somma, il 41% e composto da rinfuse liquide, il 15% circa sono rinfuse solide e il 44% merci varie. Di queste ultime, quelle containerizzate rappresentano il 49%». Da qui la stoccata a chi ritiene che il nostro paese abbia bisogno di un sistema unico dei porti senza scali specializzati: «In totale i container rappresentano il 21-22% - afferma Nerli – il che fa capire che i contenitori non sono tutto e il sistema portuale italiano deve continuare a essere articolato così com’è. E’ una risposta a chi continua a dire che abbiamo troppi porti in Italia: non è così. Alcuni scali, come quello dell’arco ligure e adriatico, possono puntare a portare le merci anche verso l’Europa e altri sono importanti per servire il territorio nazionale». Ma questo non vuol dire che non abbiamo bisogno di potenziare i porti già esistenti o di costruire nuove strutture. Uno studio condotto dal Real Estate Advisory Group per Mf Shipping&Logistica evidenzia come per realizzare i quattro principali progetti per i terminal container italiani ci vogliono 1,5 miliardi di euro, che si sommano agli oltre 2,6 per i 13 cantieri già aperti dedicati ai porti turistici. Ciò che manca ai porti italiani, quindi, vale 4 miliardi di euro.
 
Paolo Bosso 
 
Nella foto il porto di Savona 
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
19 AGOSTO 2017 ore 10:36
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot