informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
04/03/2015
ambiente, armatori, politiche marittime

LNG, quante incertezze

dot LNG, quante incertezze
Ieri la Commissione europea ha incontrato gli stakeholder dell'industria del gas naturale liquefatto (LNG o GNL) per presentare i risultati preliminari di uno studio sulla percezione dei rischi e le opportunità nell'uso di questo combustibile nello shipping. La presentazione è avvenuta nel corso dell'European Shipping Week.

Le anticipazioni dello studio, che verrà diramato interamente tra giugno e luglio, mostrano quello che nell'ambiente già si discute da tempo, ovvero che il consenso sui vantaggi ambientali dell'LNG per il trasporto marittimo è unanime, ma allo stesso tempo non è chiaro quali possano essere le opportunità di guadagno per il settore. 

Da un lato c'è un forte, o meglio, obbligatorio e unanime impegno, pur con qualche appello alla tolleranza sia da parte degli armatori italiani che europei, ad essere in linea con le normative in merito dell'International Maritime Organization, quelle sull'Emission Control Area (qui le novità di quest'anno). Dall'altro regna l'incertezza sui finanziamenti sull'uso dell'LNG e del suo prezzo sul mercato. In breve, il gas naturale liquefatto non dà particolari margini di profitto, soprattutto agli armatori. Attrezzare i motori conviene fino a un certo punto perché il risparmio che dà l'uso dell'LNG come combustibile non ripaga gli investimenti. Infine, c'è una mancanza endemica di infrastrutture di bunkeraggio, cosa che determina un circolo vizioso che paralizza lo sviluppo del gas come combustibile marino. È la classica stasi che si risolve soltanto con la volontà politica di sciolgierla. 

Lo studio della Commissione Ue riassume la legislazione recente in materia, che si basa principalmente su due direttive. 

1. La 33/2012, che modifica la direttiva 1999/32/CE del Consiglio Ue «relativa al tenore di zolfo dei combustibili per uso marittimo». Autorizza l'uso di LNG come combustibile alternativo per rispettare le più recenti norme sulle emissioni, quelle dell'International Maritime Organization, l'Emission Control Area (ECA).
2. La 94/2014 sulla distribuzione delle infrastrutture per la distribuzione dell'LNG. Mira a garantire una copertura minima di punti di rifornimento nei principali porti del Vecchio Continente, entro il 2025 per i porti marittimi, entro il 2030 per gli scali fluviali.

 
«Lo studio ci fornisce una solida panoramica per lo shipping – spiega il capo Unità trasporto marittimo e logistica della Commissione Ue Sandro Santamato - ci aiuta a nutrire un dibattito pubblico e fornisce argomenti per una discussione al livello locale».

Lo studio è redatto dalla direzione generale della Commissione europea per la Mobilità e i trasporti. La società di consulenza PwC e quella di classificazione DNV-GL si occupano delle analisi dei dati.
 
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
16 AGOSTO 2017 ore 12:02
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot