informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
18/10/2013
logistica, politiche marittime

L'Europa lancia la rivoluzione Ten-T

dot L'Europa lancia la rivoluzione Ten-T
È una riforma radicale dicono dalla Commissione europea, la più grande riforma della politica infrastrutturale mai realizzata fin dai suoi esordi negli anni ‘80. Ieri sono state pubblicate le carte che ridisegnano i nove corridoi principali che formeranno le arterie dei trasporti Est-Ovest nel mercato del Vecchio Continente. Tanto per farsi un idea, il budget previsto da qui (2014) al 2020 è di 26 miliardi di euro. Serviranno da base per i progetti privati, che dovrebbero far salire la spesa fino a 250 miliardi, un capitale di “avviamento” per stimolare altri investimenti degli Stati membri destinati a completare collegamenti transfrontalieri difficili e linee che altrimenti non sarebbero costruite. Sono le nuove reti transeuropee di trasporto (Ten-T) che includono tutto il traffico interno in tutte le sue forme: strade, ferrovie, aeroporti, fiumi e canali.
Nove corridoi principali, detti corridoi della rete centrale: due nord-sud, tre est-ovest e quattro diagonali. Ovvero:
 
• Corridorio Baltico-Adriatico.
• Mare del Nord-Mar Baltico.
• Mediterraneo.
• Orientale-Mediterraneo Orientale.
• Scandinavo-Mediterraneo.
• Reno-Alpi.
• Atlantico.
• Mare del Nord-Mar Mediterraneo.
• Reno-Danubio. 
 
 
La rete centrale collegherà:
• 94 grandi porti europei con linee ferroviarie e stradali,
• 38 grandi aeroporti con linee ferroviarie che portano alle città principali,
• 15mila chilometri di linee ferroviarie convertite ad alta velocità,
• 35 progetti transfrontalieri destinati a ridurre le strozzature.
Entro il 2030 dovranno essere tutti completati, ma questo dipenderà dal successo dei negoziati in corso sul quadro finanziario pluriennale 2014-2020. Per dare la priorità alle connessioni est-ovest, quasi la metà dei finanziamenti (11,3 miliardi) sarà riservata esclusivamente ai paesi dell’obiettivo di coesione. L’obiettivo finale è fare in modo che entro il 2050 la maggioranza dei cittadini e delle imprese europei non disti più di trenta minuti di viaggio dalla rete principale. La rete centrale dovrà essere completata entro il 2030. «L’Europa non potrà crescere e prosperare senza buone connessioni» ha detto il vicepresidente della Commissione europea e responsabile dei Trasporti Siim Kallas, parlando della creazione di «una rete europea dei trasporti robusta e capace di promuovere la crescita e la competitività, che collegherà l’est all’ovest e sostituirà il puzzle attuale con una rete autenticamente europea». Insomma, l’Europa ci crede molto, deve crederci visto che da qui dipenderà la geografia logistica del futuro.

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
19 AGOSTO 2017 ore 10:36
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot