informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
12/09/2014
autotrasporto, eventi, logistica, politiche marittime, traghetti

L'Europa investe 11,9 miliardi nelle Ten-T

dot L'Europa investe 11,9 miliardi nelle Ten-T
La Commissione europea ha invitato i suoi 28 stati membri a presentare progetti per spendere ben 11,9 miliardi di euro di fondi destinati alle infrastrutture di trasporto. 
È il più ampio call for proposal mai lanciato dalla comunità europea. Si pensi che le risorse della nuova programmazione (2014-2020) sono più del triplo di quella precedente (2007-2013): 26 miliardi rispetto a 8 miliardi. Serviranno a rinnovare e costruire i nove corridoi di trasporto del Vecchio Continente, le cosiddette TEN-T (qui paese per paese) che nel 2030, secondo le previsioni, metteranno in comunicazione 94 porti con 38 aeroporti, 13mila chilometri di ferrovie, 136mila di chilometri di strade e 23mila chilometri di vie navigabili interne.
La scadenza del call è per il 26 febbraio 2015 e i risultati saranno resi noti in estate.
Nei progetti dell'Ue i nove corridoi (più avanti li elencheremo tutti nel dettaglio) permetteranno soprattutto di creare un singolo mercato dei trasporti, in particolare nell'Europa dell'Est, eliminando o almeno riducendo il più possibile i cosiddetti “colli di bottiglia” infrastrutturali che rallentano o bloccano il flusso del trasporto.
«Un'Europa senza un buon sistema di trasporto non cresce né prospera» afferma il vicepresidente della Commissione e responsabile ai Trasporti Siim Kallas. «Investire nel trasporto è la cosa più importante».

Tutti i nove corridoi, uno per uno in dettaglio (via)
Quelli che passano per l'Italia sono tre: il Baltico-Adriatico, lo scandinavo-mediterraneo e il Reno-Alpi.
 
1. Scandinavo-mediterraneo. Parte dal Mar Baltico, passando per Finlandia, Svezia, Germania, Alpi e Italia. I punti nodali di questo corridoio sono i tunnel di Fehmarnbelt e Brennero.
2. Mare del Nord-Baltico. Collega i porti dei due mari. Collega via ferrovia Finlandia, Estonia e i tre stati del Baltico con Polonia, Germania, Olanda e Belgio. Connessioni fluviali tra il fiume Odra, la Germania e i paesi fiamminghi. Il progetto più importante è il Rail Baltic, una linea ferroviaria tra Tallinn (Estonia), Riga (Lettonia) e Kaunas (Lettonia) e il nord-est della Polonia.
3. Mare del Nord-Mediterraneo. Collega Irlanda, nord del Regno Unito, Olanda, Belgio e Lussemburgo con il mar Mediterrano e il Sud della Francia. Questo corridoio è caratterizzato da una fitta rete fluviale interna.
4. Mar Baltico-Adriatico. È uno dei più importanti assi ferroviari e stradali perché passa per le aree più industrializzate d'Europa, ovvero il sud della Polonia, Vienna, Bratislava, est delle Alpi e il nord Italia. 
5. Oriente-est Mediterraneo. È un corridoio “di cabotaggio” che incrementerà le connessioni multimodali tra nord della Germania, Repubblica Ceca, la pianura pannonica (tra Carpazi, Alpi orientali e Alpi Dinariche). Termina in Grecia e Cipro.
6. Reno-Alpi. È una delle direttrici stradali più affollate d'Europa. Collega i porti di Rotterdam e Anversa con il Mediterraneo via Genova e Svizzera, passando per i maggiori centri economici del continente. Include linee fluviali sul Reno. Il punto chiave sono i tunnel che collegano Italia (in pratica la TAV di Val di Susa), Svizzera e Germania.
7. Atlantico. Collega l'ovest della penisola iberica, i porti di Le Havre e Rouen con Parigi e Strasburgo, collegandole ai treni ad alta velocità e alle linee fluviali. Il trasporto marittimo gioca un ruolo cruciale in questo corridoio.
8. Reno-Danubio. Attraverso i due fiumi collega la regione centrale di Strasburgo e Francoforte con il sud della Germania, Vienna, Bratislava, Budapest, fino al Mar Nero, con importanti connessioni a Monaco, Praga, ÂŽilina (Slovacchia), Košice (Slovacchia) e i confini dell'Ucraina.
9. Mediterraneo. Collega la penisola iberica ai confini ucraino-ungheresi. Segue la costa mediterranea di Spagna e Francia, attraversa le alpi verso il nord-est dell'Italia, passando per Slovenia, Croazia e Ungheria. Escludendo il fiume Po e qualche canale del nord Italia, consiste essenzialmente in strade e ferrovie. Progetti chiave sono il corridoio Lione-Torino e Venezia-Lubiana.
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
17 AGOSTO 2017 ore 16:24
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot