informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
15/04/2010

Le dogane italiane all'appuntamento europeo

dot
Le dogane italiane all'appuntamento europeo
«Credo che la definizione di “piattaforma logistica del Mediterraneo” per il nostro Paese non sia sufficiente. Sarebbe più adatto ritenere l’Italia un territorio competitivo con forti capacità di interscambio import-export. Una visione allargata che non coinvolga solo il microcosmo marittimo ma la nostra economia». Con questa premessa il presidente Confindustria di Salerno Agostino Gallozzi ha evidenziato la natura del convegno “Porti in rete” tenutosi a Napoli presso la sede dell’Unione Industriali. L’incontro è stato aperto da Gennaro Moccia, vicepresidente Infrastrutture e sicurezza del territorio degli industriali di Napoli. «Porto in rete –ha aggiunto Gallozzi- significa Paese in rete, informatizzazione di tutte quelle attività che ancora si svolgono manualmente».
Il dialogo telematico tra gli interlocutori logistici (terminal, dogane e spedizionieri in primis) è ormai un tema di attualità nel mondo marittimo. L’A.E.S. (Automated Export System), il tracciamento elettronico delle operazioni di esportazione tra i paesi comunitari, ha uniformato le regole europee e, insieme al pre-clearing - lo sdoganamento telematico anticipato - ha reso sempre più impellente la necessità di dotare l’Italia di una infrastruttura web più efficace. L’incontro di Napoli ha analizzato con uno sguardo “allargato” lo stato attuale dell’informatizzazione delle dogane, in relazione ai benefici complessivi che queste tecnologie possono apportare all’economia della penisola.
L’Italia non è ferma nel campo dell’informatizzazione, ci tengono a precisare Teresa Alvaro, direttore centrale Tecnologie per l’Innovazione dell’Agenzia delle Dogane, e Alberto Libeccio, direttore interregionale Agenzia delle Dogane. «Qui a Napoli con il progetto “Banchina Remota” –ha confermato Libeccio- per la movimentazione dei container tra lo scalo campano e l’interporto di Nola, abbiamo determinato un sistema virtuoso che toglie i container che non trovano posto nel porto e li trasferisce direttamente al retroporto. Facendo in modo anche di eliminare i problemi relativi alla responsabilità di custodia dei contenitori destinati a Nola».
Alvaro, invece, ha presentato una approfondita relazione sullo stato attuale della dogana informatizzata, il cosiddetto “e-customs”, che regolamenta il dialogo tra Dogane, terminal e spedizionieri. In Italia ci sono circa 11 milioni di dichiarazioni doganali all’anno, oltre il 10% di quelle comunitarie, per questo c’è bisogno di un’informatizzazione molto complessa per creare quello che viene chiamato approccio “single window”, ovvero un unico referente amministrativo per le singole imprese. «A chi ci dice che la dogana di Napoli è “un colabrodo” rispondiamo che, allo stato dei fatti, con questo sistema che parte da precise direttive europee uguali per tutti, è impossibile» puntualizza Libeccio. «L’unica cosa che dobbiamo rimproverarci – prosegue l’Alvaro – è che, a differenza degli altri paesi, tutti, dalle imprese alle amministrazioni, ci presentiamo in ordine sparso». Per questo l’Agenzia delle Dogane ha presentato a Confindustria i requisiti necessari per far fronte alle future regole europee che, dal primo gennaio 2011, renderanno obbligatoria la dichiarazione elettronica di import e la dichiarazione sommaria di uscita. «In primo luogo rendere effettiva la “gestione del rischio” per uniformare i controlli – spiega Alvaro – poi single window e “one stop shop” e, infine, armonizzare il tutto con un ambiente informatico unico a partire da sistemi di comunicazione uniformi».
«Noi viviamo di controlli – spiega Domenico De Crescenzo, presidente del Consiglio Compartimentale degli Spedizionieri Doganali di Napoli– il problema nasce quando non sono fatti in maniera univoca per tutti i porti europei. Per esempio l’Olanda, anche se movimenta milioni di teu l’anno, non effettua verifiche sanitarie sui container all’atto dello sdoganamento, per cui tocca farle a noi che siamo obbligati». Altro aspetto è quello della moltiplicazione dei controlli sul singolo contenitore. Che invece andrebbe fatto in un unico luogo e allo stesso tempo. Single Window, One Stop Shop, Aida (Automazione Integrata Dogane Accise), Falstaff (trasmissione online delle istanze di tutela), il Trovatore (sistema di identificazione attraverso radiofrequenze) sono gli strumenti attraverso i quali è stato modernizzato il sistema telematico delle dogane.
 
Paolo Bosso 
 
Nella foto, da destra: Gallozzi, Moccia, Libeccio e De Crescenzo
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
18 AGOSTO 2017 ore 10:35
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot