informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
09/01/2012
autotrasporto, eventi

L'autotrasporto si ferma il 23 gennaio

dot
L'autotrasporto si ferma il 23 gennaio
L’autotrasporto si ferma il 23 gennaio. Lo rende noto Conftrasporto (Confederazione Trasporto, Spedizione e Logistica) in una lettera firmata Unatras e inviata oggi al ministro dello Sviluppo economico, delle Infrastrutture e dei Trasporti, Corrado Passera, e al viceministro Mario Ciaccia. Stop il 16 a Palermo e la settimana successiva in tutta Italia. La categoria vuole incontrare il governo per salvare un comparto in profonda crisi, subissato di accise e imposte. Di seguito la lettera.

Prendiamo atto con grande rammarico e con grande preoccupazione della vostra indisponibilità ad incontrare le organizzazioni che rappresentano il mondo dell’autotrasporto e della logistica. Non è necessario spiegare a dei valenti economisti come voi , l’importanza sociale ed economica che le nostre imprese hanno per il nostro Paese. E’ perciò incomprensibile il rifiuto che ci avete opposto.
Riteniamo necessario segnalarVi che già dal prossimo sedici  gennaio gli autotrasportatori siciliani si fermeranno per una settimana. Nella settimana successiva si attuerà invece il fermo nazionale dell’autotrasporto. Tuttavia la partenza di un fermo regionale, quello siciliano, potrebbe innescare una protesta spontanea  a catena su tutto il territorio nazionale e in questo caso sarebbe molto difficile controllarla e soprattutto socialmente pericoloso  considerato  il fortissimo grado di tensione che attraversa la categoria.
Vi abbiamo chiesto  un incontro per illustrare le necessità di centoventimila imprese italiane, incontro che non può essere subordinato al pronunciamento del Tar, che è bene evidenziarlo, è chiamato a pronunciarsi  esclusivamente sulla correttezza formale di un atto amministrativo prodotto dall’osservatorio dell’autotrasporto e non certo sulla scelta politica di una norma che è stata promulgata dal parlamento italiano e recentemente confermata dal Governo attuale attraverso l’approvazione di un ordine del giorno. 
Signori ministri, una eventuale strumentalizzazione di un’ordinanza del Tar potrebbe scatenare una protesta immediata da parte delle imprese dell’autotrasporto italiano.
E’ molto complicato comprendere la volontà di incontrarci solo dopo il pronunciamento del Tar, che ripetiamo, non ha nulla a che vedere con un impianto normativo che è stato già valutato positivamente  anche da tutte le confederazioni della committenza ad eccezione della solita Confindustria. Giova ricordare  inoltre che anche la Commissione Europea ha ritenuto compatibili i costi della sicurezza con l’ordinamento comunitario.
Vi rivolgiamo l’ennesima richiesta di incontro. Augurandoci di poterVi incontrare presto porgiamo distinti saluti.

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
17 AGOSTO 2017 ore 10:19
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot