informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
09/07/2015
politiche marittime

La riforma Gattopardo dei porti italiani

dot La riforma Gattopardo dei porti italiani
di Paolo Bosso 
 
La quarta versione del progetto di riforma dei porti italiani, quella approvata dal Consiglio dei ministri, tutto sommato piace agli operatori, perché ammoderna una legge vecchia, la 84/94, ma c'è una questione ancora aperta: determinerà una governance centralizzata capace di creare un sistema nazionale e coordinato della logistica? Pochi ne sono convinti. «Il piano dice esplicitamente che la “direzione porti” del ministero dei Trasporti sarà il centro di tutto. Siamo sicuri? C'è davvero una volontà di questo tipo?» si chiede il presidente Federagenti Michele Pappalardo, intervenuto insieme agli operatori locali a un convegno del Propeller Club di Napoli dedicato al piano della logistica del governo. 
 
Ad aprire l'incontro, il presidente del Propeller nazionale Umberto Masucci e il decano degli armatori meridionali Peppino d'Amato.

Container, container, container
«La riforma guarda al Mezzogiorno, inserendo in agenda la questione delle “regioni arretrate” infrastrutturalmente. Accentra le operazioni doganali. Bene. Ma disperde ancora i finanziamenti, con sei miliardi di opere nel prossimo biennio. Si tratta praticamente di nuovi terminal container, di cui non sappiamo che farcene» spiega il presidente Assoagenti Andrea Mastellone. «Negli ultimi dieci anni il traffico container non è cresciuto, anzi è andato in leggera flessione, passanto da 10 milioni di teu a 9,5» sottolinea il presidente del Consiglio compartimentale degli spedizionieri doganali di Napoli Domenico De Crescenzo. Per cui davvero non si spiega questo parco progetti generalizzato, senza specializzare le singole macroaree logistiche. Per Mastellone «c'è un'ossessione per il modello nordeuropeo, la rincorsa esasperata del potenziamento ferroviario. I nostri porti sono collegati a corto raggio, le merci sbarcano e vengono movimentate nel raggio di un paio di centinaio di chilometri, dove ha senso usare il camion, non il treno».

Servizi tecnico-nautici
Altra perplessità, i servizi tecnico nautici. Secondo il presidente dei Rimorchiatori Napoletani Gianandrea De Domenico, «nel progetto di riforma la sicurezza viene messa in secondo piano per favorire la competitività e l'abbassamento delle tariffe. Questi sono servizi su cui non si può risparmiare. L'armatore sceglie il porto che costa meno in questo tipo di servizi, ma così la sicurezza viene sacrificata».

La scelta tra compromesso e un vero piano della logistica
I porti si specializzano oppure no? Gli operatori sono soddisfatti che qualcosa si muova, ma hanno paura del solito compromesso. Le autorità (regionali) di sistema portuale dovevano essere otto, ora sono tredici, forse saranno quattordici. È tutto qui il nodo: si vuole fare un sistema logistico pianificabile, coordinato, o navigare sulla soglia del compromesso? «Ragionaremo sulla specializzazione dei porti nei prossimi mesi. Tutti non possono fare tutto» afferma il direttore navigazione e porti del ministero dei Trasporti Enrico Pujia. «L'autorità di sistema portuale – continua - avrà i compiti dell'attuale autorità portuale, ovvero programmazione, pianificazione e vigilanza. Ma la scelta se puntare sulla specializzazione, soprattutto per i piccoli porti, è tutta politica».

Riforma non prima dell'autunno
Il testo di riforma è stato inviato alle commissioni competetenti della Camera. Ancora non è chiaro quale sarà il suo iter. Al momento l'ipotesi più probabile è quella di un emendamento al ddl Madia senza passare per la discussione in Parlamento, una soluzione che ha già incontrato le critiche del sindacato. «Essendo troppo generico, e sconfinando rispetto ai principi propri di una legge delega, potrebbe lasciare qualsiasi spazio al governo per intervenire - secondo il segretario generale Uiltrasporti Claudio Tarlazzi - e quindi attraverso la liberalizzazione sfrenata dei servizi portuali e tecnico nautici». «C'è la possibilità del decreto – spiega Pujia – ma in realtà non è stata ancora presa una decisione», che verrà, in ogni caso, non prima dell'autunno.
 
Nell'immagine in alto, una scena de Il Gattopardo, di Luchino Visconti 
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
20 AGOSTO 2017 ore 11:23
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot