informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
18/02/2013
nautica

La nautica torna indietro di 13 anni

dot La nautica torna indietro di 13 anni
Un piano Marshall per la nautica italiana per far riprendere il settore dalle macerie della crisi. Lo ha proposto Ucina - Confindustria Nautica – al prossimo governo presentando ai candidati parlamentari un progetto «per superare la grave condizione di crisi in cui versa la nautica italiana e consentirle di continuare a rappresentare un asset del futuro economico del Paese».
Analogamente alla proposta Assomarinas lanciata qualche giorno fa, il piano include agevolazione fiscale, riorganizzazione amministrativa, infrastrutture “green” e una strategia di promozione per attirare clientela straniera. Vediamolo nel dettaglio.
Tasse. Dimezzamento degli oneri attraverso l’equiparazione dell'IVA alle strutture turistico ricettive, passando quindi dal 21% attuale all’11%,  «come già avviene oggi in Francia e come sperimentato con successo dal Friuli Venezia Giulia» aggiunge Ucina. 
Nuovi contratti. Un contratto nazionale di lavoro per il settore nautico che accorpi in un’unica soluzione quello che è attualmente distribuito tra metalmeccanico, legno, plastiche e chimico tessile. 
Amministrazione. Un aggiornamento del Codice della Nautica emanato nel 2005, con controlli sui diportisti assegnati soltanto a Capitaneria di porto e Guardia di Finanza, semplificando così i controlli e rispettando il criterio della spending review.
Infrastrutture. Canoni agevolati per la creazione di nuove di porti a secco per la piccola nautica e l'attuazione della norma che prevede la destinazione al diporto delle aree non utilizzate dei porti commerciali.
Promozione all’estero. Pieni poteri all’Agenzia Nazionale del Turismo (ENIT) per la valorizzazione dei porti turistici italiani, trasformandola in un’agenzia di promozione internazionale.
Il piano prevede inoltre la valorizzazione degli istituti nautici, oggi accorpati ad altri indirizzi scolastici, attraverso l'aggiornamento dei programmi di studio e l'istituzione di una “giornata del mare” in tutte le scuole.
Per rendersi conto della profonda trasformazione che ha subito questo comparto, basta guardare ai dati degli ultimi anni pubblicati da Ucina. Tra 2008 e il 2011 il fatturato si è dimezzato passando da 6,2 miliardi di euro a meno di 3,5 miliardi, un calo intorno all’80%. A questo si aggiunge la perdita di 18mila posti di lavoro diretti e di altri 20mila nell'indotto. Per l’anno appena trascorso la previsione è di un calo sul 2011 di un altro 20%, cosa che farebbe tornare l’industria nautica ai livelli del 2000.
«Al prossimo governo - ha commentato il presidente Ucina Anton Francesco Albertoni - chiediamo una forte discontinuità rispetto al passato: nessun intervento potrà essere realmente efficace ai fini di una concreta ripresa se il nuovo esecutivo non metterà in campo un'azione che veda prima di tutto un cambiamento culturale, di percezione e di restituzione dell'immagine di questo settore quale componente industriale fondamentale per il rilancio dell'economia del Paese»

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
21 AGOSTO 2017 ore 17:06
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot