Intersped Service
informazioni marittime :: napoli
Naples Shipping Week 2018
   
dot
dot
dot
03/07/2018
logistica

La mappa della Zona economica speciale della Campania

dot La mappa della Zona economica speciale della Campania
di Paolo Bosso

16,163 aziende coinvolte, il grosso nell'alimentare e nei mecchinari, per un valore in export via mare di 3,5 miliardi. È il tesoretto della Zona economica speciale (Zes) della Campania, decretata a maggio scorso. Come per tutte le altre Zes del Mezzogiorno - e solo lì possono essere create perché servono a stimolare le regioni più povere - le imprese che vi risiederanno godranno di procedure semplificate per l’accesso alle infrastrutture e credito d'imposta per gli investimenti pari al 50 per cento per ogni progetto. Fondamentale il supporto degli enti locali, che dovranno contribuire a snellire le pratiche burocratiche, e la presenza del porto: le aziende dovranno importare o esportare da lì. 

È tutto contenuto nel pacchetto legislativo entrato in vigore ad agosto 2017. Per ora sono stati approvati i piani strategici, e quindi entrati in vigore, solo le Zes di Campania e Calabria. Come per tutte le altre che arriveranno, le imprese che vorranno investirci devono utilizzare i porti regionali per esportare o importare e devono essere attive per almeno sette anni. Lunedì il Banco di Napoli-Intesa San Paolo ha dedicato un workshop a cento aziende clienti. Di suo metterà a disposizione un fondo da 1,5 miliardi. Le risorse finanziarie pubbliche ammontano a poco più di 200 milioni di euro. Ora passiamo in rassegna le linee generali per le Zes del Mezzogiorno.

Per godere dei benefici della Zes, le aziende, come stabilisce la legge 123/2017, devono avere un «nesso economico funzionale» con un’area portuale. Solo le regioni del Mezzogiorno possono presentare proposta di Zes.

Benefici per le imprese
• Procedure semplificate per adempimenti burocratici e per l’accesso alle infrastrutture; 
• Credito d'imposta in relazione agli investimenti effettuati per l’acquisto di beni strumentali nuovi acquistati entro il 31 dicembre 2020, nella misura massima di 50 milioni. Stanziamento: 25 milioni di euro nel 2018; 31,25 milioni di euro nel 2019 e 150,2 milioni di euro nel 2020.

Doveri
Mantenere l’attività nella Zes per almeno 7 anni.

Settori 
Possono investire, nelle aree previste, settori manifatturieri orientati all'importazione e all'esportazione per via marittima.

Dimensione e fatturato delle imprese
Nessun limite.

Le aree
Porti: Napoli, Salerno, Castellammare di Stabia
Interporti: Sud Europa (Marcianise/Maddaloni); Campano
Aeroporti: Capodichino; Salerno-Costa d'Amalfi
Agglomerati industriali: Acerra, Arzano-Casoria-Frattamaggiore, Caivano, Foce Sarno, Marigliano-Nola, Pomigliano, Calaggio, Pianodardine, Valle Ufita, Ponte Valentino (stralcio), Aversa Nord (stralcio), Marcianise-San Marco, Battipaglia, Fisciano-Mercato San Severino
Altre aree industriali e logistiche: Bagnoli-Coroglio, Napoli Est, Piattaforma Contrada Olivola, area PIP Nocera Inferiore “Fosso imperatore”, Area PIP di Sarno “Ingegno”, Area PIP Nautico di Salerno, Castel San Giorgio.

Le zone
Napoli Est: alimentare, abbigliamento
Bagnoli Coroglio: alimentare, abbigliamento
Consorzio Asi Napoli-Agglomerato Nola Marigliano: automotive,
aeronautica, abbigliamento
Consorzio Asi Napoli-Agglomerato Pomigliano D'Arco: chimica,
metalmeccanica, abbigliamento
Consorzio Asi Napoli-Agglomerato Acerra: chimica, metalmeccanica, abbigliamento
Consorzio Asi Napoli - Caivano: metalmeccanica, alimentare
Consorzio Asi Napoli-Casoria Arzano: abbigliamento, metalmeccanica, packaging
Consorzio Asi Napoli-Agglomerato Foce Sarno: cantieristica, navale, metalmeccanica
Consorzio Asi Caserta-Agglomerato Marcianise/San Marco: chimica, metalmeccanica, alimentare, elettronica
Consorzio Asi Caserta-Aversa Nord: abbigliamento, metalmeccanica, alimentare
Consorzio Asi Caserta-Agglomerato Industriale Salerno: alimentare, chimica, legno, cartotecnica
Consorzio Asi Caserta-Agglomerato Industriale Battipaglia: chimica, metalmeccanica, alimentare
Consorzio Asi Caserta-Agglomerato Industriale:isciano/Mercato San Severino, metalmeccanica, alimentare, chimica
Area PIP Nocera "Fosso Imperatore": alimentare, metalmeccanica
Area PIP Sarno "Ingegno": alimentare, metalmeccanica
Consorzio Asi Avellino-Agglomerato Valle Ufita: chimica, metalmeccanica, alimentare
Consorzio Asi Benevento-Agglomerato Ponte Valentino: metalmeccanica, agro alimentare
Consorzio Asi Avellino-Agglomerato Calaggio: metalmeccanica, packaging
Consorzio Asi Avellino-Agglomerato Pianodardine: automotive,
legno
Area Codola-Castel S. giorgio: agro alimentare

I numeri del porto di Napoli (fonte Srm-Banco di Napoli)
• 2° in Italia  per ro-ro con 13,7 milioni di tonnellate (in crescita del 7,7% sul 2016);
• 4° per rinfuse solide con 6,3 milioni di tonnellate (+1,7% sul 2016);
• 4  per traffico container con 964 mila TEU (in crescita a doppia cifra: +10,6% sul 2016);
• 6° AdSPper traffico complessivo con 37,4 milioni di tonnellate (+5,4 sul 2016).

In Campania le aziende più orientate alle esportazioni sono: agroalimentare, abbigliamento/moda, automotive, aeronautico e bio-farmaceutico (4A e pharma). Secondo studi di Srm:

• Il 50 per cento del valore aggiunto manifatturiero in Campania è infatti generato dalle filiere 4A e pharma, mentre nel Mezzogiorno il 43,6% e in Italia il 31,2%. Si tratta di 4,3 miliardi di euro, il cui peso sul dato nazionale è del 5,9% mentre su quello meridionale è del 34%. Si contano 11839 unità locali, pari 29,4% del Mezzogiorno e 84,5 mila addetti, il 33,8% del dato meridionale.
• L'export di queste filiere è di 6 miliardi, con un peso sul dato meridionale (29%) e nazionale (3,9%) maggiore rispetto alla media manifatturiera (22,2% e 2,3%). Ciò dimostra la maggiore internazionalizzazione e, quindi, la maggiore partecipazione della Campania alla supply chain internazionale di queste produzioni.
• Le esportazioni interregionali ammontano a 8,4 miliardi (38,9% del Mezzogiorno e 5,4% dell’Italia), a fronte di 6 miliardi di export estero. Ciò significa che per ogni euro che va all’estero se ne aggiunge più di uno (1,4) destinato nel resto del Paese. Le importazioni interregionali delle suddette 5 filiere campane ammontano invece a 13 miliardi (il 25,7% del Mezzogiorno e l’8,6% dell’Italia). 
• Sono quindi filiere lunghe che si sviluppano da Nord a Sud e larghe, soprattutto per i mercati di destinazione che sono prevalentemente meridionali. Mentre in alcuni casi i legami riguardano specializzazioni produttive analoghe e complementari in termini di filiera, in altri la rilevanza della regione di arrivo delle merci è dettata dalla presenza di infrastrutture, come i porti, per l’esportazione. Un rafforzamento della logistica interna potrebbe peraltro evitare per alcune regioni l’utilizzo di porti extra-area.
• Per effetto delle interdipendenze di filiera, 100 euro di investimento nel settore manifatturiero campano producono un effetto a cascata su tutta l’economia nazionale di 460 euro (76 effetto endogeno e 284 effetto esogeno), con un moltiplicatore quindi pari a 4,6. Il moltiplicatore sale a 5,59 se si considerano le filiere 4A+pharma.
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
19 LUGLIO 2018 ore 17:57
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Future Mobility Week
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot