informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
12/10/2011
armatori, politiche marittime

La legge antipirateria è realtà

dot
La legge antipirateria è realtà
La legge anti-pirateria diventa realtà. Oggi il comandante generale delle Capitanerie di Porto Marco Brusco ha firmato il decreto dirigenziale con il quale si disciplinano le procedure tecnico-amministrative relative all’imbarco di nuclei militari di protezione sulle navi che navigano in acque pericolose. La firma è stata anticipata di poche ore da un protocollo di intesa tra il ministro della Difesa La Russa e il presidente Confitarma d’Amico per stabilire le modalità di impiego delle forze armate. 
L'attività verrà svolta da personale della Marina suddiviso in dieci nuclei composti ciascuno da sei soldati. A supportarli saranno 16 militari presenti nella base logistica di Gibuti, nel Corno d’Africa.
La richiesta di personale armato deve essere rilasciata direttamente dall’armatore che potrà scegliere se utilizzare uomini della Marina o contractors privati. «Naturalmente – spiega La Russa - i militari non saranno sottoposti a vincoli gerarchici con il capitano della nave, ma risponderanno al comando della base di Gibuti».
La legge era in dirittura di arrivo. Era questione di settimane. Ma l’ultimo attacco a una nave italiana, la Montecristo, avvenuto due giorni fa ma già scongiurato, ha accelerato i tempi. «Non sono solo le acque del Corno d'Africa a rischio – ha affermato d’Amico - ma anche quelle dell'Oceano Indiano e del Golfo Persico. E' un tratto di mare su cui transita il 30% del petrolio che arriva in Occidente e il 20% delle merci in genere. Non è quindi una zona remota, ma di grande importanza per l'economia mondiale». L'accordo di oggi, ha continuato il presidente Confitarma, «per la nostra flotta è un grosso passo in avanti in termini di sicurezza. D'ora in poi i pirati ci penseranno due volte ad attaccare le nostre navi». D'Amico ha però invitato ad «allargare la protezione anche con l'impiego dei contractor: le nostre navi sono numerose e non possiamo fare affidamento soltanto sulla Marina. Questo significa discutere in fretta delle norme per l'impiego di guardie private». Servirà un provvedimento del ministero dell'Interno per regolare l'attività dei vigilantes a bordo. Mentre per quanto riguarda le forze armate, ha osservato il capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio Bruno Branciforte, «restano da definire, ma lo faremo presto, le regole di ingaggio dei nostri militari, che saranno molto semplici e si baseranno sul principio di autodifesa, cioè dell'uso della forza quando sarà necessario».
 
nella foto la fregata Andrea Doria 
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
20 AGOSTO 2017 ore 18:41
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot