informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
01/09/2010

La difficile privatizzazione di Tirrenia

dot
La difficile privatizzazione di Tirrenia Acque super agitate in Mediterranea Holding, l’unica al momento interessata alle sorti di Tirrenia dopo che Fintecna ne aveva rigettato l’offerta di acquisizione. Ora il futuro dei traghetti di Stato resta nelle mani del Commissario D’Andrea, che ha dichiarato lo stato d’insolvenza della capogruppo statale, del ministro dei Trasporti Matteoli, che si è impegnato a non fare lo “spezzatino” tra flotta, linee e servizi e dei sindacati, che il prossimo 6 settembre avranno un incontro con il governo. E di Mediterranea Holding, che comunque persegue il progetto originario di acquisire la proprietà. Proprio la compagine, formata da Regione Sicilia e gli armatori Lauro, Tomasos, Coccia, più altri imprenditori, ha dato vita a nuove iniziative intanto portando il capitale da 10 a 25 milioni e poi formalizzando al Commissario D’Andrea una nuova offerta di acquisto. Si parla di 75 milioni.
All’assemblea Mediterranea di ieri la società si è però anche sfaldata, perdendo alcuni soci importanti. Coccia e Tomasos hanno preannunciato il loro addio non ritenendo più il progetto concreto. Le loro quote, circa un terzo del capitale, potrebbero essere assunte da nuovi soci nell’ambito di fondi, piccoli armatori ed ex dirigenti/marittimi della stessa Tirrenia. Dei nomi solo indiscrezioni. Resterebbero il gruppo Lauro di Salvatore Lauro, presidente di Mediterranea, la Regione Sicilia del governatore Raffaele Lombardo che metterebbe parte delle proprie azioni del 37% (in questo caso quelle che danno diritto alla gestione, il 16%) a disposizione dei nuovi investitori. Infine la famiglia Busi-Ferruzzi e Isolemar.
La situazione, nella sua confusione, non è facile. Tra l’altro, che la privatizzazione di Tirrenia avrebbe avuto molte difficoltà era un’ipotesi paventata sin dall’inizio, quando i 16 pretendenti iniziali si erano via via sfilati fino a lasciare la sola Mediterranea. Nessun “big” dell’armamento nazionale aveva ritenuto l’operazione favorevole. E questo aspetto avrebbe dovuto far riflettere.
Quali le prossime puntate? Già si è detto dell’incontro tra governo e sindacati, immediatamente dopo, il 10 settembre, la deliberazione dell’aumento del capitale Mediterranea con l’ingresso dei nuovi soci, se ci saranno. Poi, l’impegno più importante, tra un mese il 30 settembre, quando scadrà l’accordo tra governo e Bruxelles per ultimare la privatizzazione della flotta pubblica. Ce la farà il governo italiano e, in caso contrario, l’Unione Europea concederà altre proroghe?
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
23 AGOSTO 2017 ore 09:17
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot