informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
20/04/2017
porti

Campania presenta il Pot dei porti con Delrio

dot Campania presenta il Pot dei porti con Delrio
di Paolo Bosso 
 
L'arrivo dei treni, i dragaggi, un po' di waterfront e soprattutto una riorganizzazione degli spazi perché il porto di Napoli, oggi, è molto disordinato. I contenuti del Piano operativo triennale (Pot) 2017-2019 dell'Autorità di sistema portuale (Adsp) del Tirreno centrale sono stati presentati oggi, in pompa magna di fronte al ministro dei Trasporti Graziano Delrio, alla stazione marittima dello scalo partenopeo. Un porto, quello di Napoli, che dopo anni di arretramento istituzionale (commissariamento) e imprenditoriale (servizi persi) sta vivendo un rinascimento. Per ora fatto di soli progetti, conclami decisionisti e tanta attenzione alla comunicazione, come mai prima d'ora, come dimostra l'evento con Delrio di oggi: la prima presentazione pubblica di un Pot all'indomani della riforma della legge sui porti da parte della prima amministrazione portuale ad essersi insediata operativamente con un Comitato di gestione (istituzioni) e un Tavolo di partenariato (operatori/imprenditori). Insomma, tanti annunci per ora, ma se si pensa allo zero fatto in questi ultimi anni il fenomeno, di per sé, è rilevante e deve far ben sperare. E gli operatori portuali, intanto, sono molto contenti.
 
Pur trattandosi di un piano campano, in realtà il Pot riguarda soprattutto Napoli, per una ragione che non fa che onore a Salerno: il porto di Napoli è tutto da ricostruire, fisicamente e istituzionalmente, Salerno no, anzi, sta vivendo la sua più grande crescita da quando esiste come scalo commerciale. Inoltre, è molto più piccolo di Napoli, cosa che ne rende più facile il virtuosismo. E, infatti, ha mostrato in questi anni un dinamismo istituzionale e imprenditoriale che il capoluogo si sogna. Ciò non toglie che Salerno ha opere da realizzare, le più importanti delle quali sono l'allargamento dell'imboccatura, i dragaggi e Salerno Porta Ovest per le autostrade del mare. Il primo è fondamentale per non rischiare di mandare indietro alcune navi, cosa già successo recentemente. Infine, c'è un'idea per un garage multipiano insieme a Grimaldi Lines, principale operatore ro-ro del porto, di cui risulta, per ora, il benestare dell'operatore e dell'Adsp al progetto.

Dragaggi a Napoli
Entro luglio il presidente dell'Adsp, Pietro Spirito, ha intenzione di avviare i lavori per i dragaggi nel porto capoluogo (Informazioni Marittime ne ha parlato qualche giorno fa in un approfondimento). «Un miracolo» se ci si riuscisse, come ha chiosato Delrio. Un cronoprogramma realistico se si considera che la commissione di gara si è insediata a metà marzo e ha il canonico mese lavorativo per assegnare l'appalto. Due anni di lavoro qui contro i nove mesi a Salerno che per di più deve escavare quasi il doppio dei sedimenti. Perché? «Perché Napoli è sito Sin e si richiedono analisi aggiuntive, una normativa più stringente», spiega Spirito. Già, il Sin, l'area ambientalmente delicata che anziché portare tanti soldi, come sperava chi ha avuto la brillante idea di includere Napoli in un Sito di Interesse Nazionale, ha portato, qui dove ovunque è stato istituito in Italia, un business delle analisi ambientali che ha paralizzato le opere.

Ferrovie e interporti
«Napoli Traccia non ha futuro, è in un'area urbanizzata con binari di formazione al massimo di 350 metri. Con Rfi stiamo studiando un collegamento tra la darsena di Levante e la rete nazionale con binari da 750 metri». È questa, nelle parole di Spirito, l'idea dell'Adsp per collegare finalmente il porto con gli interporti di Nola e Marcianise. Nei giorni scorsi c'è stato un accordo con Rete Ferroviaria Italiana in questa prospettiva. L'Adsp vorrebbe, entro fine luglio, presentare uno studio di fattibilità. Il modello sarà quello delle grandi stazioni ferroviarie di passaggio nordeuropee, come Monaco. Se tutto questo si concretizzerà, sarà l'accantonamento definitivo di un'altra grande speculazione, quella di Porto Fiorito, un cantiere da 120 milioni di euro aperto quasi sei anni fa per realizzare un polo nautico a poche centinaia di metri dalla darsena petroli (!) e container (!).
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
16 AGOSTO 2017 ore 12:02
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot