informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
08/04/2010

Imeta, tra perplessità e concorrenza

dot
Imeta, tra perplessità e concorrenza
Contro tutto e tutti, i porti di transhipment italiani hanno deciso di far sentire la loro voce con la nascita di “Imeta”, associazione che riunisce i tre scali di trasbordo della penisola: Gioia Tauro, Cagliari e Taranto. Un’alleanza che cercherà di combattere la crisi economica e le dure critiche piovute nei mesi scorsi dall’Europa e da Genova. «Sono in declino, e sicuramente il loro ruolo va ripensato» ha detto a gennaio Luis Valente de Oliveira, coordinatore europeo della Autostrade del Mare, riferendosi agli scali di trasbordo. Una posizione analoga a quella del presidente dell’Autorità Portuale di Genova, Luigi Merlo, che in precedenza aveva parlato, questa volta riferendosi direttamente ai tre porti nostrani, di hub «senza futuro». Fatto sta che adesso questi hub hanno deciso di «parlare con una sola voce di fronte alle autorità e al governo» come ha sottolineato il commissario dell’Autorità di Taranto Salvatore Giuffrè.
Ma c’è chi dubita che la nascita di Imeta serva solamente a compattare i tre porti di fronte alle istituzioni. Come Assoporti che, in quanto interlocutore principale per le istituzioni in rappresentanza di tutte le 25 Authority italiane, vede frammentata in questo modo la propria funzione. «Certo - spiega il presidente Assoporti Francesco Nerli - se si tratta di un coordinamento tra porti, come Ligurian Ports oppure la Napa per l’Alto Adriatico, è un conto. Se però si tratta di qualcosa d’altro, la questione è diversa. Io non credo che l’obiettivo dell’Imeta sia quello di fungere da interlocutore istituzionale. Per loro credo sia più importante fare fronte comune con compagnie e terminalisti, che hanno interessi sia in Italia che nel Nord Africa, dove si stanno facendo strada i nuovi hub di transhipment che operano a condizioni molto più favorevoli rispetto ai nostri». Per questo Nerli consiglia un’associazione tra porti italiani e nordafricani a scopo esplicitamente commerciale: «Forse per Imeta – spiega - l’ideale sarebbe estendere la loro alleanza fino a questi porti, per evitare che carrier e terminalisti speculino sulla loro testa, spostando traffici e lavoro a loro piacimento». E’ giusto che questi tipi di porti, in questo periodo così esposti alla crisi, prendano le loro contromisure ma il rischio di frammentare le rappresentanze c’è.
Come evidenzia il dossier Contship Italia del marzo 2007, il transhipment del Mediterraneo è destinato a crescere passando dai 16 milioni di teu a più di 30 nel 2015. Si tratta di un ottimo segnale ma anche di una difficoltà in più per i tre porti italiani. Dal Sud del Mediterraneo la concorrenza aumenta e non sarà facile da gestire con le poche risorse a disposizione e una politica locale ed europea poco interessata. Nei giorni scorsi l’Ap di Cagliari ha deciso di abbassare del 90% la tassa di ancoraggio. All’iniziativa faranno probabilmente seguito azioni analoghe a Gioia Tauro e Taranto. E questo è un buon segnale lanciato alla concorrenza.
«Il Mediterraneo è una comunità chiusa che deve proliferare grazie agli scambi – spiega il presidente dell’Ap di Cagliari Paolo Fadda – ma se ogni porto si muove secondo regole proprie c’è concorrenza insostenibile, più che sleale, come si sta confermando quella dei porti magrebini. I nostri sono porti di passaggio, un passaggio che incide sulle casse dell’armatore in termini di tasse di ancoraggio». Per esempio, come spiega Fadda, a Malta non si pagano con un notevole risparmio da parte dell’armatore.
Il programma Imeta prevede il contenimento degli oneri fiscali per il transhipment, la riduzione dei costi di feederaggio, una manutenzione programmatica e contemporanea dei tre terminal e, ovviamente, un miglioramento della rete logistica. «Il governo dovrà dirci se crede ancora nelle attività di transhipment – conclude Fadda – se è disposto a rilanciare questi hub, anche chiedendo aiuti alla Ue. Se la risposta è negativa, allora ci diano indicazioni precise per eventuali riconversioni del settore».
 
Paolo Bosso
 
Ultim'ora.
Durante la riunione del Consiglio Direttivo Assoporti del 12 aprile, i protagonisti dell’iniziativa “IMETA” hanno dichiarato che si tratta di un’associazione riservata ai soli tre porti fondatori (Cagliari, Gioia Tauro e Taranto), con la finalità di coordinarsi e rendersi sempre più competitivi nei confronti degli altri porti nel Mediterraneo. I tre presidenti hanno specificato che IMETA non ha alcuna intenzione di diventare interlocutore diretto delle istituzioni nazionali, ma che si riconosce pienamente all’interno della rappresentanza unitaria di Assoporti.
Nerli ha dichiarato la piena disponibilità di Assoporti a supportare le finalità di IMETA, una volta formalizzata la sua costituzione.
Nella foto il porto di Gioia Tauro 
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
19 AGOSTO 2017 ore 10:36
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot