informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
04/05/2012
autotrasporto

Il rebus delle accise, tra Abissinia e nuove imposte

dot
Il rebus delle accise, tra Abissinia e nuove imposte
Di accise sulla benzina ne abbiamo fin sopra i capelli. C'è una lista “non ufficiale”, famosa, che circola sul web relativa alle imposte tuttora in vigore per i prodotti destinati al consumo energetico (tra parentesi l’anno di introduzione): 
 
(1935) 1,90 lire per la guerra di Abissinia. 
(1956) 14 lire per la crisi di Suez. 
(1963) 10 lire per il disastro del Vajont. 
(1966) 10 lire per l'alluvione di Firenze. 
(1968) 10 lire per il terremoto del Belice. 
(1976) 99 lire per il terremoto del Friuli. 
(1980) 75 lire per il terremoto dell'Irpinia. 
(1983) 205 lire per la missione in Libano. 
(1996) 22 lire per la missione in Bosnia.
(2004) 0,020 euro per rinnovo contratto autoferrotranviari.
 
Una lista impressionante che non ha mai avuto conferma ufficiale da nessun ministro. Non ci sarebbe niente di sorprendente se stessimo ancora pagando la guerra di Abissinia, piuttosto sarebbe sconcertante se continuassimo a pagarla una volta appurata la sua esistenza. Ciò che pesa come un macigno per la categoria del trasporto è l’aggravio dell’Iva (+20% a cui recentemente è stato aggiunto un punto percentuale) che viene aggiunta su ogni accisa. Recentemente il ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera ha confermato che il governo non intende intervenire al ribasso sulla tassa. Anzi, è intenzionato ad inserire un’altra accisa di diverso tipo, prevista dalla legge ma mai applicata: quella mobile. Come dice la parola, avrà una cadenza periodica e potrà essere imposta e sospesa in periodi diversi. Insomma, il caro-gasolio è un fenomeno che in Italia è solo in minima parte legato all'aumento del prezzo del greggio. Se questi dati venissero confermati, un buon 20-25 centesimi di rincari potrebbero essere risparmiati sul prezzo finale della benzina.
L'eccesso di accise, sia mobile che fisse, non piace a Cna-Fita (Unione Nazionale Imprese di Trasporto). «Il problema del caro gasolio rimane la priorità» ha affermato la categoria in un comunicato. «Le parole del Ministro Passera non ci aiutano a sperare - ha affermato il presidente Nazionale Cinzia Franchini - mi auguro solo che il ministro abbia voluto prendere tempo per valutare quale provvedimento sia più adeguato». Per Cna Fita sarebbe “grave” se non si intervenisse in alcun modo “mentre in Europa, dove il gasolio alla pompa è molto meno caro e meno tassato che da noi, i governi nazionali stanno correndo ai ripari cercando di calmierare la tassazione”. «In Spagna - ha concluso la Franchini - il fermo dei mezzi è stato ritirato grazie alla decisione del governo di sospendere una specifica accisa sul gasolio destinata al sistema sanitario». In Europa esiste un’armonizzazione delle accise finalizzata a calmierare i prezzi. Purtroppo non è facile applicarla in maniera uniforme a causa della natura stessa dell’imposta, visto che si applica ai prodotti di largo consumo (agricoli, energetici) e quindi varia a seconda della produttività di una singola regione o città, motivo principale di estrema volatilità del prezzo della benzina anche da un comune a un altro. 
 
Paolo Bosso 

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
23 AGOSTO 2017 ore 09:17
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot