informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
22/12/2015
ambiente, politiche marittime

Il Parlamento semplifica i dragaggi

dot Il Parlamento semplifica i dragaggi
di Paolo Bosso 
 
Si semplificano le procedure relative ai dragaggi nei porti. Da oggi le casse di colmata saranno più facili da creare e i famigerati Siti di Interesse Nazionale (Sin) potranno essere ridimensionati, perlomeno nella parte a mare. La Camera ha approvato un disegno di legge (Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali) al collegato ambientale preparato negli ultimi mesi dal ministero dell'Ambiente. «Si conclude la riforma delle norme per i dragaggi nei porti italiani» ha commentato in una nota il sottosegretario del dicastero Silvia Velo. «Nel provvedimento che oggi è diventato legge, vengono infatti semplificati i criteri di costruzione delle casse di colmata e delle vasche di raccolta. In questo modo si semplificano le operazioni di dragaggio, ma allo stesso tempo si tutelano le acque e il suolo attraverso le migliori tecnologie disponibili, tenendo conto della tipologia di materiale che si va a trattare caso per caso».

Casse di colmata
Vengono semplificati i criteri di costruzione delle casse di colmata e delle vasche di raccolta, lo step finale dei dragaggi di un porto commerciale, strutture di contenimento dove vengono riversati i materiali escavati e dove è possibile, una volta tombata la superficie, realizzare una nuova banchina. Fino a oggi la costruzione delle casse di colmata richiedeva parametri di permeabilità pari a quelli previsti per il contenimento dei rifiuti (d.lgs 36/2003), anche dove non si è in presenza di materiali pericolosi. È il famigerato “coefficiente K” che in questo emendamento della Camera anche se non viene eliminato non è più necessario, visto che è sufficiente soddisfare «requisiti di permeabilità equivalenti a quelli di uno strato di materiale naturale» con “coefficiente K”.

Da Siti di Interesse Nazionale a Siti di Interesse Regionale
L'altro intervento del collegato ambientale riguarda i Sin, che con il loro meccanismo di analisi chimica dei suoli hanno di fatto finito per paralizzare la realizzazione delle opere in queste aree, come per esempio i dragaggi. Da oggi, qualora i sedimenti dei dragaggi in aree Sin «risultino - si legge nel testo approvato dalla Camera - caratterizzati da concentrazioni di inquinanti al di sotto dei valori» stabiliti dal ministero dell'Ambiente, «l'area o le aree interessate vengono escluse dal perimetro del sito di interesse nazionale previo parere favorevole della conferenza di servizi». «Grazie – spiega Velo - al lavoro svolto da un gruppo di lavoro istituito presso il ministero dell'Ambiente, a cui hanno preso parte il ministero dei Trasporti, il ministero della Salute, Ispra, Iss e il Cnr, sono state definite le linee guida e i valori di riferimento che consentono l’automatica deperimetrazione delle aree a mare da Sito inquinato di Interesse Nazionale a Sito di Interesse Regionale».

Il collegato ambientale è stato approvato dalla Camera il 13 novembre 2014, poi il 4 novembre in Senato con modifiche, infine approvato oggi dalla Camera con le modifiche apportate dal Senato.
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
17 AGOSTO 2017 ore 16:24
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot