informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
24/09/2015
armatori, politiche marittime

Il dollaro forte colpisce le assicurazioni marittime

dot Il dollaro forte colpisce le assicurazioni marittime
L'anno scorso il dollaro forte ha fatto calare le assicurazioni marittime. Nel 2014 i premi sono stati pari a 32,6 miliardi di dollari, con un calo del 3,2 per cento. «Una riduzione dovuta per di più al dollaro forte, in particolare per le merci, che generalmente sono ascritte in altre valute» spiega Astrid Seltmann, vicepresidente dell'International Union of Marine Insurance (Iumi) che si è riunita la settimana scorsa in congresso a Berlino.

Crescita debole, grandi acquisizioni
Lo scenario attuale per le assicurazioni marittime è influenzato da una crescita debole e una Cina che rallenta e svaluta lo yen. Ma il 2014 è stato anche caratterizzato da un numero molto basso di “grandi perdite”, il che lo ha reso anomalo. «La ripresa economica incrementa i premi, ma il ritmo di crescita è in calo. Sono anche aumentati i rischi dopo la frenata della Cina e non sappiamo quanto questi tenui scambi commerciali globali si rifletteranno sulla produttività», spiega Patrizia Kern-Ferretti, presidente del comitato Fact & Figures dell'Iumi. «Allo stesso tempo – continua – il nostro settore sta vivendo numerose acquisizioni e fusioni (margers & acquisitions) che globalizzeranno ulteriormente la capacità, presentando la possibilità di diversificare e di realizzare prodotti più specializzati. L'abbondanza di capitali e i nuovi talenti che sforneranno i margers & acquisitions – conclude Ferretti – hanno il potenziale per incrementare il numero delle compagnie di assicurazioni, il che manterrà la pressione sui prezzi».

Gli assicuratori temono i grandi sinistri
Lasciandosi alle spalle il “tranquillo” 2014, Nick Derrick, presidente del comitato cargo dell'Iumi, ritiene che i grandi sinistri possano avere una notevole influenza in futuro sul settore assicurativo marittimo. Un esempio è quello che è accaduto nel porto di Tianjin ad agosto scorso, quando una grossa esplosione al terminal Ruihai International Logistic ha provocato più di cento morti e quasi mille feriti. Nello scalo cinese Iumi ha calcolato perdite di carico per almeno 1,5 miliardi di dollari, «con alcuni rapporti che affermano che la cifra finale potrebbe salire a sei miliardi di dollari» spiega Derrick. «Gli assicuratori merci – continua - devono capire che la perdita in dollari potrebbe essere pari a ciò che sarebbe accaduto se l'intero porto fosse stato colpito, ad esempio da una catastrofe naturale come un terremoto o uno tsunami». 

Il settore global hull e offshore
Iumi si è soffermata ad analizzare due settori in particolare, il “global hull” e l'offshore. 
I premi per il settore global hull (pari al 23,2 per cento del reddito globale 2014) è ammontato a 7,6 miliardi, in calo del 5,8 per cento. Il mercato è stato colpito più di tutti dal dollaro forte, ma il numero molto basso di “grandi perdite” nel 2014 ha determinato un profitto tecnico sulle coperture assicurative. Il 2015 invece ha visto già un buon numero di total losses, il che porterà a risultati differenti quest'anno. «Il 2014 è stato un'eccezione» ha commentato il vicepresidente Seltmann.
Il premi del settore offshore (pari al 18,2 per cento del reddito globale 2014) sono cresciuti dell'11 per cento, raggiungendo i 5,7 miliardi. In futuro il mercato sarà condizionato dal basso prezzo del petrolio, che porterà allo slittamento o alla cancellazione di progetti offshore con la conseguente diminuzione di nuovi contratti di rischio. Secondo lo Iumi l'alto numero di perdite di quest'anno, il basso tasso di intersse ambientale e l'instabilità del mercato saranno i protagonisti di quest'anno.

Le quote di reddito delle assicurazioni nel mondo
Europa 52,6%
Asia-Pacifico 25%
America Latina 9,8%
Nord America 6,4%
Medio Oriente 3,1%
Africa 3%

I business
Trasporto e merci 51,9% 
Hull 23,2%
Offshore ed energia 18,2%
Responsabilità marittime 6,6%
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
18 AGOSTO 2017 ore 10:35
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot