informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
04/03/2010

Gioia Tauro approva il suo primo Piano Regolatore

dot
Gioia Tauro approva il suo primo Piano Regolatore
Il Comitato Portuale di Gioia Tauro ha approvato il suo primo Piano Regolatore. Un risultato storico per lo scalo della Calabria. «Oggi - ha commentato il presidente dell'Autorità Portuale di Gioia Tauro, Giovanni Grimaldi - abbiamo raggiunto un importante traguardo per il quale abbiamo lavorato con costanza e ferma convinzione». Un piano approvato all’unanimità, «un fondamentale strumento di pianificazione – prosegue Grimaldi - che determinerà lo sviluppo del nostro porto e, altresì, dell'intera Regione Calabria».
La definizione del documento di pianificazione è iniziata nel 2006 con l'istituzione dell'Ufficio Piano Regolatore Portuale. Nel 2007 la società Technital, vincitrice di gara pubblica, ne ha assunto la direzione dei lavori per avviare lo studio e la redazione di tutti gli elaborati, che è stata completata il 30 settembre 2008. Da quel giorno è iniziata la fase di approvazione da parte degli enti locali. In seguito all'odierna adozione da parte del Comitato Portuale, il Prp passerà al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici per ottenere il parere e, dopo la Valutazione d'Impatto Ambientale, la Regione Calabria lo adotterà con relativo decreto di approvazione.
Avanti con il rafforzamento dei tradizionali traffici calabresi. «Si tratta - ha spiegato l'Authority - di una serie di attività e infrastrutture che dovranno dare supporto allo scalo per continuare ad essere competitivo rispetto alle offerte di altri scali, come quelli del Nord Africa, che, in questo periodo, hanno indebolito la sua leadership nel Mediterraneo».
Positive le valutazioni dei rappresentanti delle imprese. Vincenzo Iacono, amministratore delegato della Medcenter Container Terminal (Mct), la società del gruppo Contship Italia che gestisce il container terminal del porto calabrese, conferma le buone impressioni ma osserva che il cammino da fare è «ancora lungo». Secondo Iacono non solo bisogna attendere il parere del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici ma il porto stesso ha bisogno di nuove alleanze. «Ci aspettiamo – osserva - che nascano altre attività e una logistica di supporto alla nostra attività. Spero, quindi, che si possa avere uno sviluppo che abbia risvolti positivi in tutta la Regione e non, esclusivamente, nel porto».

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
21 AGOSTO 2017 ore 15:13
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot