informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
25/11/2013
cantieri

Fincantieri in Borsa, il piano del governo

dot Fincantieri in Borsa, il piano del governo
Recuperare tra i 10 e i 12 miliardi di euro entro la fine del 2014, di cui circa 1,5 miliardi da Fincantieri. E’ questo il piano di privatizzazione messo in campo dal governo Letta per risanare il debito pubblico. Otto aziende in tutto: Eni, Stm e Enav per le partecipazioni dirette e Sace (Cdp), Fincantieri (Cdp), Cdp Reti (Cdp), Tag (Cdp) e Grandi Stazioni (Fs) per quelle indirette. Il gruppo cantieristico italiano, al 100% pubblico, andrebbe in Borsa con una quota del 40%, con un ricavo per le casse dello Stato che dovrebbe essere intorno agli 1,5 miliardi.
Se tutto andrà secondo i piani, la metà del ricavato di questo “pacchetto” di privatizzazioni andrà a ridurre il debito pubblico per l’anno prossimo, mentre l'altra metà – visto che si tratta di operazioni che interessano Cassa Depositi e Prestiti entro cui ricadono Sace, Fincantieri, Cdp Reti, Tag e Grandi Stazioni - andrà a ricapitalizzare la stessa Cassa.
I sindacati sono sempre stati contro la privatizzazione di Fincantieri. Già nel secondo governo Prodi (2006-2007) il progetto di cessione del 50% naufragò scontrandosi con il no compatto delle associazioni di categoria. Il rischio è che l’azienda possa perdere proprio quella competitività che l’ha contraddistinta in questi anni di crisi che, nonostante la penuria delle commessa, ha permesso a Fincantieri di mantenere i conti in ordine e di acquisire un colosso della cantieristica come Stx Osv. «Fincantieri – afferma la Uil - in questi anni si è saputa risollevare, ha saputo mantenere una posizione importante sui mercati internazionali attraverso enormi sacrifici da parte dei suoi dipendenti, oggi la si vuole mettere in vendita solo per far quadrare i conti del Paese e per essere in linea con le direttive di bilancio comunitarie». Ma il sindacato non dice no alla quotazione («è la strada più percorribile») a patto che le risorse ricavate non siano “espropriate” dal patrimonio pubblico: «Siamo convinti che i ritorni economici di questa operazione debbano essere indirizzati a incrementarne il capitale sociale». Durissima la Fiom-Cgil: «Una pura logica di privatizzazioni per fare cassa».
Il 10 e 12 dicembre a Roma i sindacati scenderanno in piazza per manifestare contro il piano privatizzazioni.

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
24 AGOSTO 2017 ore 09:38
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot