informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
24/10/2011
ambiente

E se una petroliera affondasse di fronte Genova?

dot
Cosa accadrebbe nell'alto Tirreno se una grande nave cisterna piena di petrolio prendesse fuoco e rilasciasse in mare una grande quantità di bunker? La risposta è ovvia: un disastro. Per questo il ministero dell’Ambiente ha terminato proprio in queste ore una delle più imponenti simulazioni di emergenze in mare con una esercitazione che ha coinvolto attivamente Italia, Francia e Principato di Monaco, parti dell'accordo Ramoge stipulato nel 1976 per la tutela del mare. Alle operazioni hanno presenziato anche autorità e mezzi spagnoli e di diversi organismi comunitari e internazionali.
L'esercitazione Ramogepol è iniziata con un incendio scoppiato a bordo di una nave cisterna in rotta verso il porto petroli di Genova, con il ferimento di tre membri dell’equipaggio. Il bunker è stato simulato con il lolla di riso che si è diretto verso le acque francesi, rendendo necessario l'allertamento e il coinvolgimento delle autorità d’oltralpe.
All’imponente simulazione hanno preso parte, oltre alla Guardia Costiera e alle corrispondenti autorità francesi e monegasche, la Marina Militare, la Prefettura, i Vigili del Fuoco, il 118, tutti gli operatori portuali, gli enti territoriali e quelli scientifici: in tutto venti istituzioni tutte a vario titolo competenti ad intervenire nel caso di inquinamento marino. Sono intervenuti anche 18 mezzi aerei e navali della Capitaneria di porto. Un ruolo centrale nell’esercitazione antinquinamento è stato svolto dagli uomini e dai mezzi della flotta navale specializzata che opera in regime convenzionale alle dirette dipendenze del Ministero dell’Ambiente, per il contenimento e la raccolta operativa delle chiazze di idrocarburi.
Per Stefania Prestigiacomo, Ministro dell’Ambiente, l'esercitazione Ramogepol 2011 (l'accordo internazionale prevede che se ne svolga una ogni anno) ha consentitp «di verificare, con il massimo realismo possibile, il grado di risposta di enti, uomini e mezzi preposti al soccorso e alla lotta all’inquinamento, con un’attenzione specifica per i diversi gradi, necessari, di coordinamento: un test necessario in un mare, il Mediterraneo, che pur costituendo meno dell’uno per cento della totalità dei mari del pianeta, ospita – nel suo prezioso habitat naturale - un traffico di navi e merci di particolare intensità, bisognoso di specifiche e costanti attenzioni».

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
21 AGOSTO 2017 ore 15:13
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot