informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
28/05/2015
eventi, porti

Dublino, la città portuale che non ha bisogno di waterfront

dot Dublino, la città portuale che non ha bisogno di waterfront
dall'inviato Paolo Bosso 
 
Capitale e insieme città portuale, lo scalo di Dublino (Calafort Átha Cliath in gaelico) è il primo approdo d’Irlanda. Movimenta quasi la metà del traffico marittimo dello Stato e nei primi quattro mesi di quest’anno ha registrato la migliore performance degli ultimi anni, con otto milioni di tonnellate merci movimentate, pari ai livelli del 2007. La principale attività sono i rotabili, due terzi del tonnellaggio annuale. «Ma la particolarità di questo porto è il waterfront. Cosa rara, è in perfetta continuità con l’assetto urbano» spiega Christy Burke, sindaco della città, che ha scelto, a differenza dei predecessori, di non risiedere nel municipio, la Mansion House, ma di restare nella sua residenza privata, «per stare più vicino alla gente». L’affermazione di Burke secondo la quale il waterfront di Dublino è particolare non è una frase fatta, perché un waterfront a Dublino semplicemente non c’è: a differenza della maggior parte dei grandi scali del mondo, non può essere identificabile in un’area specifica ma è disseminato un po’ ovunque, dalle banchine fin dentro la città, lungo il fiume Liffey. Un waterfront che non porta firme di architetti da urlo ma la continuità di una storia che risale al XIV secolo, quando è stata posata la prima pietra delle banchine fluviali di Wood e Merchant, a qualche chilometro dal mare, sede dei primi uffici dedicati allo shipping.

L’ineffabilità del port center
Non è un caso allora se la città è stata scelta dall’Association internationale villes & ports (Aivp) per la sua assemblea generale che tiene ogni due anni. L’associazione è un punto di riferimento soprattutto per urbanisti, architetti e ingegneri. Promuove ogni anno, alternando un’assemblea generale e un congresso mondiale itineranti, una conferenza internazionale nella quale operatori e progettisti portuali possono presentare il proprio porto e le idee per migliorarlo. Il simbolo e cavallo di battaglia dell’Aivp è il port center, un polo (in genere un palazzo) dove turisti e cittadini possono conoscere le attività dello scalo, dalle attività container ai festival del mare. «Il port-center è un’esperienza pedagogica, ludica» spiega Bruno Delsalle, deputy director strategic advisor dell’Aivp. «Permette di far comprendere ai cittadini la complessità di un porto - continua - la sua diversità, la sua organizzazione». Un port center può ospitare un museo, un polo didattico o più semplicemente uno spazio pubblico. «Cerchiamo di dare alle persone che non lavorano al porto, ma forse anche a loro, la chiave per capire cosa fa il porto della città in cui vivono». I membri Aivp, nella maggior parte dei casi autorità portuali, sono oltre 200. Difficile invece è quantificare il numero di port center. « È complicato conteggiarli – spiega Greta Marini, project manager Aivp – perché non tutti si chiamano port center e non tutti hanno uno spazio unico dedicato». «I port center ufficiali Aivp sono nove – spiega Corinne Monnet, promoter Aivp – ma quasi ogni nostro membro ha un polo culturale e pedagogico dedicato alla cittadinanza, per cui i port center, ufficiali e non ufficiali, sono in realtà centinaia».

Il Ballast Office
L’antesignano del port center di Dublino è il Ballast Office. Realizzato nel 1870, insieme allo storico Trinity College e al palazzo del Parlamento, formava un triangolo dove la gente del posto si dava appuntamento. “Ci vediamo sotto l’orologio di Ballast” si diceva allora, un grande orologio molto preciso per l’epoca, connesso via telegrafo al Dunsink Observatory.

Il port center di Dublino
Il port center vero e proprio, ovvero con una concezione moderna degli spazi e delle attività, è stato particolarmente precoce rispetto ad altri port center sparsi nel mondo. È nato il primo settembre del 1981, con i primi progetti che risalgono al 1954. Cinque piani a poca distanza dal mare dove lavorano circa 120 persone. A differenza del Ballast Office, gli spazi degli uffici sono aperti, con finestre incassate per un metro e mezzo, cosa che permette agli interni di essere luminosi e nello stesso tempo al riparo dalla luce diretta.  

“Oh, dimmi tutto ciò che sai su Anna Livia! Voglio sapere tutto. La conosci? Certo che la conosci. Allora dimmi tutto quello che sai” scriveva James Joyce in Finnegans Wake. Anna Livia è la personificazione del fiume di Dublino, il Liffey. La città portuale di Dublino è anche città fluviale, ed è questa la chiave per comprendere il fatto che il porto non ha un solo waterfront ma un fronte mare che si snoda fin quasi alle Wicklow Mountains. A Dublino il porto non si ferma alle banchine, né al port center, né alle banchine Wood. Permea tutta la città, fra un pub e l’altro.

Immagine in alto. Westmoreland street e D’Olier street, Dublino, Samuel Frederich Brocas e Engraver Henry Brocas. 1800 circa. Il palazzo a destra diventerà il Ballast Office.
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
18 AGOSTO 2017 ore 10:35
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot