informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
13/12/2015
ambiente, porti

Dragaggi, il pacchetto "Sin free" del ministero dell'Ambiente

dot Dragaggi, il pacchetto "Sin free" del ministero dell'Ambiente
Il ripristino della normalità dei dragaggi costieri, soprattutto nei porti, passa per la deregolamentazione dei discussi Siti di Interesse Nazionale (Sin). In attesa della riforma dei porti -che pure apporterà delle modifiche al sistema di manutenzione dei fondali degli scali commerciali -, venerdì scorso il sottosegretario del ministero dell'Ambiente Silvia Velo ha presentato a un convegno al Palazzo Gran Ducale di Livorno due regolamenti e un paio di modifiche normative che dovrebbero superare la paralisi speculativa generata dai siti Sin (150mila ettari di territorio nazionale) con le sue complesse barriere tabellari. «È un percorso che prevede tempi diversi, trattandosi di un insieme di provvedimenti distinti, ma il traguardo che ci siamo posti è quello di concludere questo percorso di riforma entro la fine dell’anno» ha detto il sottosegretario Velo.
 
La sperimentazione di Piombino 
Il porto di Piombino ha effettuato importanti opere di infrastrutturazione e di dragaggio portando i fondali a una profondità di venti metri. Lo ha fatto utilizzando in via sperimentale alcune procedure previste proprio da questi nuovi regolamenti.

Sin o non Sin?
Le due modifiche normative riguardano entrambe il collegato ambientale, provvedimento approvato il 4 novembre in Senato e in attesa dell’ok definitivo della Camera.  La prima definisce le linee guida e i valori di riferimento che consentono l’automatica deperimetrazione delle aree a mare da Siti di Interesse Nazionale a Siti di Interesse Regionale. Il lavoro è frutto di un tavolo del ministero dell'Ambiente insieme al dicasteri dei Trasporti, della Salute e degli istituti scientifici Ispra, Iss e Cnr.

Casse di colmata
La seconda modifica normativa semplifica i criteri di costruzione delle casse di colmata e delle vasche di raccolta, lo step finale dei dragaggi di un porto commerciale, strutture di contenimento dove riversare i materiali escavati e dove è possibile, una volta tombata la superficie, realizzare una nuova banchina. Oggi la costruzione delle casse di colmata richie parametri di permeabilità pari a quelli previsti per il contenimento dei rifiuti (d.lgs 36/2003), anche dove non si è in presenza di materiali pericolosi. Un'altra rigidità normativa (quella del famigerato “coefficiente K” di permeabilità della cassa di colmata) che si aggiunge ai siti Sin. «Con questa modifica normativa tuteliamo le acque e il suolo attraverso le migliori tecnologie disponibili, tendendo conto della tipologia di materiale che si va a trattare caso per caso», commenta il ministero dell'Ambiente in una nota.

Infine, passando ai due regolamenti, il primo tratta le modalità di dragaggio nelle aree portuali e costiere che ricadono all’interno dei Sin. Il secondo - in attuazione dell'articolo 109 del decreto legislativo 152/2006 - disciplina la procedura di dragaggio per le aree al di fuori dei Sin, oltre alle modalità di gestione del materiale dragato (per esempio la delicata reimmersione in mare dei materiali escavati dai fondali).

«Con queste modifiche normative avremo, finalmente, un quadro regolamentare chiaro, certezza e semplificazione delle procedure; in sintesi una normativa che affronta in maniera organica la questione dei dragaggi nelle varie tipologie dei porti italiani» commenta il sottosegretario Velo. «In breve tempo saranno superate le difficoltà riscontrate in questi anni durante le operazioni di dragaggio e nella gestione del materiale dragato nei vari usi consentiti, casse di colmata, immersione a mare e ripascimento. Si tratta di un percorso di riforma atteso da anni che va nella direzione della semplificazione normativa e che favorirà l'utilizzo delle migliori tecnologie disponibili per l'esecuzione degli interventi».
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
16 AGOSTO 2017 ore 12:02
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot