informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
01/02/2017
ambiente, armatori

Demolizioni, dall'Italia 7 navi spiaggiate

dot Demolizioni, dall'Italia 7 navi spiaggiate
di Paolo Bosso 

È sempre alto il numero globale delle navi mercantili demolite in modo “brutale”, arenandole nelle zone intertidali delle coste (soggette ad ampie escursioni di marea) per essere smantellate pezzo pezzo in condizioni di lavoro disumane. L'anno scorso, rende noto l'ong di Bruxelles Shipbreaking Platform (SP), in tutto il mondo sono state 668 unità, l'87 per cento della stazza lorda mondiale demolita. Sono finite tutte in tre paesi, Pakistan, Bangladesh e India, con un bollettino medico annuale che somiglia a un giorno di guerra: nei primi due paesi un totale di 50 morti e un'ottantina di feriti, mentre «il numero di incidenti accaduti nei cantieri indiani è difficile da scoprire, ma abbiamo ricevuto informazioni di almeno due decessi ad Alang», spiega il direttore esecutivo di SP Patrizia Heidegger.
È record il numero di navi di proprietà europea spiaggiate in Asia medionale: l'84 per cento di quelle demolite sono finite sulle coste dei tre paesi asiatici. «Nel 2017 l'Ue pubblicherà un elenco di cantieri in tutto il mondo dotati di attrezzature per il riciclaggio che seguono standard elevati, una novità assoluta e un punto di riferimento per il riciclaggio sostenibile delle imbarcazioni», commenta Heidegger.

Dall'Italia 7 navi spiaggiate
Trattandosi di una pratica storica, strutturata, l'Italia, grosso armatore mondiale, non è da meno. In violazione del regolamento Ue sulle demolizioni, sette compagnie hanno smantellato 11 navi, di cui 7 nelle spiagge dell'Asia meridionale. Una nave ciascuno per Finaval di Navigazione, Novamar Limited e Siremar, smantellate nelle strutture di riciclaggio di Aliaga, in Turchia. 5 unità tra Vittorio Bogazzi, Saipem e Cafiero Mattioli. 3 da parte di Grimaldi group, due in India e una in Turchia, la Sorrento che ad aprile 2015, sotto la gestione di Acciona Transmediterranea, ha subìto un incendio a bordo.

Germania e Grecia
La Germania è il primo paese al mondo a spedire le navi da demolire sulle spiagge asiatiche se si guarda al rapporto tonnellaggio-navi demolite. L'anno scorso, su cento navi demolite, 98 sono finite sulle coste di India, Pakistan e Bangladesh. Gli armatori che hanno demolito più navi sono Hansa Mare (12 navi), Alpha Ship, F. Laeisz e Peter Doehle (7), Dr Peters, Koning & Cie, Norddeutsche Vermoge e Rickmers (6). Segue la Grecia con il maggior numero di navi vendute in Asia meridionale, 104.

Il sistema dei cash buyer
In verità gli armatori non sono i diretti “mittenti” delle loro navi mandate al macero sulle spiagge asiatiche. Quando interpellati in genere deresponsabilizzano o minimizzano le loro colpe. Il ciclo di fine vita di un mercantile si basa infatti sui “trafficanti di rottami”, cash buyer che procurano alle navi da rottamare una nuova bandiera di comodo, per esempio Palau (Filippine), Comore (Africa), Tuvalu (Australia), rivendendola a chi offre il prezzo migliore per l'acciaio. «È chiaro che l'attuale legislazione basata sulla giurisdizione di bandiera non può apportare modifiche sostanziali alle pratiche correnti: chi può credere che una bandiera di comodo o un cash buyer vorrebbero apportare miglioramenti nei cantieri di demolizione?», commenta Heidegger, riferendosi implicitamente alle recente promozione da parte degli armatori europei al cantiere borderline di Alang.

dot dot
dot
dot
dot
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
21 LUGLIO 2017 ore 17:16
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot