informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
18/06/2013
politiche marittime

Decreto Fare, cosa cambia per i porti

dot Decreto Fare, cosa cambia per i porti
Il Decreto Fare approvato il 15 giugno dal Consiglio dei Ministri guidato da Enrico Letta contiene diverse novità sulla portualità, riassumibili in tre principali interventi: fiscalità nautica, autonomia finanziaria e dragaggi.
Nautica. Abolizione della tassa di possesso per le imbarcazioni inferiori ai 14 metri – restano intatte quelle per i maxiyacht - e dimezzate le aliquote per le unità da 14 a 20 metri. Piccola rivoluzione per il noleggio occasionale, che ricordiamo per la legge non è un’attività commerciale e quindi non beneficia delle detrazioni. Il privato o le aziene di chartering potranno rifarsi di alcune spese, per esempio i secondi possono fittare ai primi parte delle unità da utilizzare per il proprio servizio senza necessariamente doverne acquistare di nuove. Viene eliminato il tetto di importo, pari a 30 mila euro, precedentemente fissato per l'applicazione del regime forfettario al 20%. Fissato invece a 60 il numero di giornate all’anno in cui poter svolgere tale attività. 
Autonomia finanziaria. Il tetto per l’avanzo di amministrazione, quello che le Autorità portuali possono trattenere per i propri investimenti, sale da 70 a 90 milioni ed è una quota che deve sempre essere distribuita su tutto il territorio nazionale, non vale per il singolo porto. La novità è che questo “tesoretto” tutto dedicato ai porti potrà essere speso non solo per la manutenzione e la sicurezza, ma anche per le politiche commerciali.
Dragaggi. Semplificate alcune procedure, anche se mancano ancora i dettagli che il CdM dovrebbe rendere noto a breve.
Critico il giudizio di Assoporti, che se da un lato promuove la facilitazione burocratica per gli escavi  - «il passo avanti dovrebbe essere significativo» ha detto il presidente Luigi Merlo – dall’altro boccia le misure per l’autonomia finanziaria, rievocando il vecchio conflitto tra il ministero del Tesoro e quello dei Trasporti: secondo Merlo è stato il ministero del Tesoro a frenare l’impegno dei Trasporti sulla pluriennalità dell'autonomia, «commettendo un errore molto pesante». «Innalzare il tetto è positivo ma inadeguato - ha concluso Merlo - il provvedimento, tra l'altro, deve essere pluriennale, perché solo in questo modo si possono affrontare investimenti strutturali, sennò continuiamo a vivere alla giornata».  

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
22 AGOSTO 2017 ore 10:34
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot