informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
07/07/2014
ambiente, armatori

d'Amico, 1,2 miliardi per rifare la flotta

dot d'Amico, 1,2 miliardi per rifare la flotta
In questa nuova era della navigazione sostenibile alle porte arriva una notizia indicativa dei tempi che corrono: nei prossimi quattro anni la compagnia di navigazione italiana d'Amico investirà 1,2 miliardi di dollari nella sua flotta. Praticamente la rinnoverà del tutto, dotandola di navi che, spiega il presidente della compagnia Paolo d'Amico (foto), «consumano un terzo rispetto a quelle in dotazione». Una spesa non di poco per il gruppo con sede a Milano, che andrà incontro al piano di investimenti più ampio mai fatto nella sua storia. 
 
Il bilancio della società 
Quest'anno d'Amico conta di chiudere un bilancio positivo: «L'obiettivo – spiega d'Amico - è quello di chiudere in utile anche nel 2014». Già l'anno scorso il fatturato è stato di 625 milioni di euro, 55,8 di Ebitda e 49,5 di utili. Attualmente il debito è pari a 122 milioni, inferiore a quello della società quotata (224,6 milioni).
 
Investire per inquinare di meno
«Il gruppo è nel mezzo del più grande piano di investimenti della propria storia – spiega Paolo d'Amico - con 1,2 miliardi di dollari destinati a rinnovare totalmente la flotta nei prossimi 3-4 anni». d'Amico ha spiegato che «si tratta di navi di nuova generazione che consumano un terzo rispetto a quelle in dotazione». Tra gli obiettivi dell'armatore italiano, oltre a quelli relativi all'ammodernamento, c'è l'impegno di essere pronti per la nuova normativa sulle emissioni che entrerà in vigore l'anno prossimo. Sulla base di una regolamentazione stabilita dall'International Maritime Organization, dal primo gennaio del 2015 - ma è probabile che verranno concesse proroghe proprio per dare agli armatori il tempo necessario per adeguare le loro navi – nel Mar Baltico e nel Mare del Nord bisognerà navigare con un tenore di zolfo nel combustibile inferiore allo 0,5% per millilitro (0,1% dal 2020). Tenendo conto che il limite attuale è del 3,5%, si tratta di una riduzione drastica che investirà in pieno le tecnologie propulsive delle navi.
 
Le attività in Borsa
Per quanto riguarda la società quotata (d'Amico International Shipping), è ancora presto per sapere i risultati del rendiconto semestrale che, tenendo conto delle condizioni del mercato, non dovrebbe essere particolarmente  positivo. Nonostante ciò, il titolo (pari al 10% del capitale familiare) continua ad andare bene con la domanda che ha superato di sei volte l'offerta. «Gli investitori - ha detto D'Amico - ci hanno scelto perché c'è un forte interesse sullo shipping e per l'Italia e, viste le performance, direi che abbiamo fatto bene a rimanere a Milano». Per quanto riguarda l'ipotesi di aggiungere altro capitale da quotare, d'Amico non esclude che «in futuro la famiglia possa considerare la quotazione in Borsa di tutto il gruppo».
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
22 AGOSTO 2017 ore 16:34
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot