informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
10/03/2014
crociere, eventi, porti

Crociere, l'Italia è un burocrate

dot Crociere, l'Italia è un burocrate
La conferma che il 2014 sarà quello della flessione per il mercato delle crociere in Italia, il primo dopo anni di crescita ininterrotta, arriva anche dalla Cemar Agency Network di Genova. Dopo i dati di Risposte Turismo (Rt) da Venezia, il primo analista che ha dato previsioni per quest’anno, la conferma di una flessione arriva anche da Genova, con una previsione anche più pessimista di quella di Risposte Turismo: 10.285.000 di passeggeri (-9,9%, Rt ne prevede il 7% in meno a dieci milioni e mezzo). Di questi, 5.946.000 saranno in transito e 4.339.000 tra imbarcanti e sbarcanti. Di conseguenza calano anche le toccate nave (-11,5%, da 5.113 a 4.525) e il numero di armatori presenti (54 nel 2014 contro i 56 del 2013). I dati sono stati presentati nel corso del Seatrade Cruise Shipping di Miami, manifestazione annuale dedicata al settore, in corso di svolgimento fino al 13 marzo. 
Saranno 143 le navi da crociera in circolazione in Italia (-5,29%, erano 151 nel 2013), mentre i porti italiani coinvolti passano da 63 a 70. Per quanto riguarda la classifica, Civitavecchia si confermerà primo porto con oltre 2.120.000 passeggeri movimentati, seguito da Venezia (1.790.000), Savona (1.050.000), Napoli (930.000), Genova (820.000), Livorno (590.000) e Bari (520.000). Saranno quindi solo gli scali del podio a mantenersi sopra il milione (nel 2013 erano i primi cinque). Il porto che perde più traffico è quello di Livorno, che per il secondo anno consecutivo registrerà una flessione pari al 20%, e si assesterà sui 590mila passeggeri. 
Secondo il presidente Cemar Sergio Senesi, questo calo è un fenomeno «in controtendenza» rispetto «alla crescita a livello mondiale della consegna di nuove grandi unità». «Le motivazioni di questa contrazione - spiega - sono molteplici, a partire dall’ormai famoso “decreto salva coste” che già nel 2013 ha creato difficoltà alle navi che danno fondo in rada. A questo si aggiungono l’aggravarsi della situazione di Venezia, che quest’anno causerà la perdita di oltre un milione di passeggeri nell’Adriatico e che, se non risolta, produrrà un’ulteriore crollo di presenze nel 2015, nonché numerose difficoltà burocratiche che scoraggiano gli armatori». Secondo Senesi è la burocrazia lo scoglio più duro per l’armatore che si avvicina in Italia: «Siamo l’unico paese Ue a non aver semplificato le procedure d’accosto. Ancora oggi in molti porti italiani sono obbligatori i controlli di frontiera anche per le navi provenienti da paesi dell’area Schengen. Senza contare che per le pratiche doganali utilizziamo un regio decreto vecchio di quasi 100 anni».
dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
22 AGOSTO 2017 ore 12:52
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot