informazioni marittime :: napoli
Intersped Service
   
dot
P.L. Ferrari
 
dot
dot
25/10/2012
armatori

Cosa succede ad RBD Armatori

dot Cosa succede ad RBD Armatori
di Paolo Bosso 
Alla base di tutto una crisi finanziaria senza precedenti che ha avuto forti ripercussioni sul livello dei noli marittimi che si sono abbassati in molti settori dello shipping. Da qui la decisione di RBD Armatori, compagnia di Torre del Greco (Napoli), di avviare un piano di ristrutturazione finanziaria forte del Decreto Sviluppo di Monti che all’articolo 182bis permette un accordo di ristrutturazione. Fonti finanziarie confermano che è in atto una razionalizzazione dei capitali che coinvolge banche e azionisti. I dettagli di questa operazione si fanno ogni giorno più definiti e la procedura, depositata nei giorni scorsi al tribunale di Torre Annunziata, ha già ricevuto l’ok delle banche principali (ovvero Intesa San Paolo, Mps e Unicredit) e l’arrivo dell’advisor Rothschild. 
I punti da cui la compagnia torrese intende ripartire sono tre: concentrare l’operatività sulla flotta di proprietà composta da 16 navi escludendo quindi quelle a noleggio; riorganizzazione del debito attraverso l’apporto di nuova finanza; intervento degli azionisti per un nuovo contributo finanziario. Il debito è alto, 630 milioni, ma secondo fonti finanziarie il piano di sostanziale deleveraging globale in coerenza con i mutui navali – 10/12 anni di media – lo rende sostenibile. Un programma conservativo, sulla base di una previsione sui noli molto al di sotto del livello di mercato. La compagnia al momento non sta rilasciando dichiarazioni ma fonti vicine parlano di un accesso a una nuova finanza di 80 milioni di euro garantita dal patrimonio aziendale e familiare che, uniti ad un intervento di patrimonializzazione a favore della compagnia da parte degli azionisti per un’altra ventina di milioni, porterebbero la disponibilità a 100 milioni, pochi rispetto ai 630 milioni di debito ma pare che così si possa già riscadenzare i tempi di rientro di quest’ultimo. Qualunque sia il responso finale dell'operazione, bisognerà aspettare qualche mese, tra i 60 e i 120 giorni.
«Sotto il profilo finanziario – spiega la società in un comunicato - è stato predisposto un piano di ottimizzazione dei flussi finanziari in relazione ai ricavi derivanti dalla ordinaria operatività della flotta di proprietà in esercizio. Al contempo è stato avviato un programma di concentrazione del patrimonio su assets strategici teso anche alla valorizzazione di parte del patrimonio aziendale», poi «l’intervento degli azionisti con l’effettuazione di manovre di patrimonializzazione e rafforzamento della società».

dot dot
torna su | stampa news


comments powered by Disqus
 
dot
dot
i nostri servizi
dot
dot
dot
operatori del porto di Napoli
dot
Elenco operatori del porto di Napoli
 
Agenti marittimi, Spedizionieri
dot
dot
dot
 
ultimo aggiornamento
19 AGOSTO 2017 ore 10:36
NEWSLETTER
dot
dot
restiamo in contatto  
dot
dot
dot
AREA RISERVATA
 
NON SEI REGISTRATO?
effettua una richiesta
d'iscrizione
dot
dot
dot
dot
dot
PASSWORD DIMENTICATA?
inserisci qui la tua e-mail
 
dot
dot
dot
dot
dot
Contship
dot
dot
dot
Laghezza
dot
dot
dot
Fedespedi
dot
dot
dot
Marina d'Arechi
dot
dot
dot
Caronte & Tourist
dot
dot
dot
Bureau Veritas
dot
dot
dot
Evergreen
dot
dot
dot
Bpmed
dot
dot
dot
Msc Crociere
dot
dot
dot
Arkas
dot
dot
dot
Grimaldi Holding
dot
dot
dot
Eligroup
dot
dot
dot
Palumbo
dot
dot
dot
Gesac
dot
dot
dot
Federagenti
dot
dot
dot
Multimarine
dot
dot
dot
Autorità Portuale Salerno
dot
dot
dot
Messina
dot
dot
dot
Autorità Portuale Gioia Tauro
dot
dot
dot
Salerno Economy
 
 
dot
contatti | credits | privacy
dot
Informazioni Marittime srl - Partita Iva IT00441030632
dot